header logo

Si è svolta ieri a Milano l'edizione 2023 del Gran Galà del Calcio dove si sono riuniti tutti le massime cariche dirigenziali dello calcio italiano ed i giocatori più forti della Serie A. Con grande sorpresa durante la serata nello scoprire la Top 11 votata dagli stessi protagonisti non è presente alcun giocatore della Lazio che è stata totalmente snobbata nonostante il secondo posto finale in stagione.

Milinkovic con la maglia della Lazio

I grandi esclusi

Clamorosa le assenze di Provedel eletto miglior portiere della Serie A nei mesi scorsi che è stato scavalcato da Maignan che nella scorsa stagione è stato a lungo fuori per infortunio. Nella linea difensiva non c'è nemmeno Romagnoli che ha guidato una delle difese meno battute della Serie A con un record di 21 cleen sheet in stagione. Al suo posto figura Bastoni che con la sua Inter si era apprestato al 4 posto della classifica reale del massimo campionato. Se andiamo nello specifico poi rimane misteriosa l'assenza di Milinkovic-Savic e Luis Alberto tra i centrocampisti che hanno guidato la Lazio ad uno storico secondo posto. I due perni centrali della squadra di Sarri sono stati sopravanzati da Barella e Calhanoglu che di certo in campionato non hanno brillato. 

Top 11 maschile: Maignan, Hernandez, Di Lorenzo, Bastoni, Kim Min-Jae, Lobotka, Calhanoglu, Barella, Kvaratskhelia, Leao, Osimhen

–  Calciatore dell’anno:  Victor Osimhen

– Miglior allenatore: Luciano Spalletti

– Miglior arbitro: Daniele Orsato

– Migliore società: Napoli

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio, scoppia il caso Vecino: l'uruguagio fuori dalla lista dei convocati per la Coppa Italia - IL RETROSCENA