header logo

Josè Mourinho è intervenuto ai microfoni di Dazn a fine gara. Queste le sue parole: “Sapore di un punto. Quando giochi lo fai per vincere, il punto è un punto positivo, meglio della sconfitta. Quando giochi contro una squadra che ha gli stessi obiettivi e non perdi, è buono".

LA PARTITA 

Hanno giocato i giocatori che erano in condizioni, non ha giocato ovviamente pellegrini, Aouar, abbiamo giocato con tre giocatori che potevano avere gambe, cuore, testa per giocare una partita di questo livello. I due quinti li volevo far giocare 90 minuti, però avevamo comunque soluzioni per compensare. Oggi hanno dato tanto. Dietro avevo solo questi. Quando l’arbitro ha un criterio solo con noi, di dare due gialli in 20/25 minuti a due difensori centrali lì siamo in difficoltà. A Karsdorp ho detto di non saltare mai su Marusic sennò lasciava mancini da solo contro Pedro, che è un fantastico giocatore. I ragazzi hanno atto una buona parttia con personalità e tanta palla. Ci è mancato il gol, Rui Patricio non ha praticamente toccato la palla, ma quando l’ha fatto è andato bene. Questa è la qualità di Dybala, ha fatto un grande lavoro. Contro la Lazio che ha tanta gente in panchina, se gli lasciamo palla sarebbe stato difficile".

SARRI

"Sarri è sempre molto simpatico con me. Prima della partita ci siamo trovati e abbiamo scherzato con le parole dei giorni scorsi. Ci vogliamo bene. Dopo la partita ridevamo perché le prossime due settimane nessuno dei due ride e nessuno piange".

BILANCIO

"Bilancio è facile, siamo a tre punti dal quarto posto. Il campionato per me è iniziato alla quarta giornata.Abbiamo fatto un disastro contro il Genoa. Il nostro campionato è stato danneggiato dalle assenze. Io sono molto esigente con me stesso, non sono mai soddisfatto".

 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio-Roma, Lazzari: "Derby equilibrato. Nelle prossime sette partite affronteremo squadre sotto di noi, ma..."