header logo

Ai microfoni di TvPlay è intervenuto l'ex centrocampista della Lazio Stefano Fiore che ha commentato la sconfitta dei biancocelesti in trasferta contro la Fiorentina. 

La partita

Fiorentina-Lazio? Non è stata una partita, perché la Fiorentina l’ha dominata in lungo ed in largo. Era sotto per un episodio e perché il calcio è strano. Nel primo tempo, di fatto, i viola dovevano stare davanti di due gol. La Lazio, nonostante il vantaggio, non ha mai avuto una reazione. La squadra di Sarri è ora in una situazione complicata, ancora una volta ha fallito l’occasione di dare continuità alla sua stagione. 

Si è rotto qualcosa nella Lazio di Sarri? 

Non c’è certezza, ma qualcosa c’è: è palese. La Lazio ha giocato una partita senza anima contro la Fiorentina. E’ stata presa a pallonate. Perché i biancocelesti non hanno reagito neanche dopo il 2-1? Sarri, probabilmente, non riesce a spiegarselo: non c’è stata nessuna reazione. La cosa più assurda è che la Lazio giochi queste gare quando, almeno per il momento, potrebbe anche giocare i quarti di finale di Champions League. 

Futuro di Sarri

La Lazio, di solito, non manda via un allenatore e bisogna elogiare Lotito per questo motivo. Italiano alla Lazio e Sarri alla Fiorentina? Sarebbe una cosa bizzarra, difficilmente realizzabile. 

Quante possibilità ha la Lazio di passare il turno in Champions? 

Ha un vantaggio, direi 50% di possibilità. Il Bayern, anche se è in difficoltà, giocherà in casa e questo è sempre un vantaggio.

Fiorentina - Lazio, l'analisi del giorno dopo di Augusto Sciscione

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Zeman, ore di apprensione per la salute del tecnico dopo l'intervento chirurgico - LA SITUAZIONE