header logo

Ciro Immobile oggi spegne 34 candeline. Il bomber biancoceleste che con il gol contro il Cagliari ha festeggiato il suo 200 gol in Serie A, festeggerà il suo compleanno circondato dall'amore della sua famiglia e dall'affetto smisurato di tifosi e compagni di squadra.

Chissà se si sarebbe mai aspettato di diventare King Ciro per il popolo biancoceleste quando, nell'estate del 2016, approdò alla corte della Lazio allenata allora da Simone Inzaghi. Un acquisto che non fece particolare clamore, quello di questo ragazzo cresciuto nelle giovanili di Sorrento e Juventus, emerso con il Pescara e consacratosi a Torino con la maglia granata vincendo due volte il titolo di capocannoniere, prima in serie B e poi in A.

Immobile esulta dopo un gol con la maglia della Lazio

Il suo fiuto del gol fu invece subito chiaro al mister laziale che gli affidò le sorti dell'attacco laziale, imbastendo con lui un rapporto solido di stima e affetto, consolidatosi negli anni.

Il bomber, nativo di Torre Annunziata, non ha tardato a ripagare la fiducia del tecnico piacentino. Quattro titoli di cannoniere che lo hanno portato a diventare l'ottavo marcatore di sempre in Serie A con 200 gol. 206 gol in 326 partite con l'aquila sul petto con una media di 0,63. 

Numeri impressionanti per questo ragazzo che è diventato un idolo dei tifosi della Prima Squadra della Capitale. Alle doti straordinarie di calciatore si uniscono quelle caratteriali: padre affettuoso, marito super innamorato della sua Jessica a cui dedica ogni sua rete. Immobile è ormai un punto fermo di questa Lazio targata Maurizio Sarri che spera di averlo al meglio fino alla fine della stagione. Non ci resta che fare tantissimi auguri al nostro Ciro Immobile.  Il nostro auspicio è che incrementi ancor di più  il suo bottino di gol in questa stagione per continuare a sognare e ad esultare con lui. Anche perchè, in fondo, il record dell'inimitabile Silvio Piola non è poi così lontano.

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio - Bologna, nello spogliatoio l'ammissione shock di Maresca ai giocatori biancocelesti - IL RETROSCENA