header logo

Le pagelle di Lazio - Cagliari:

Provedel: 7 89' minuti da spettatore in cui non viene chiamato in causa se non con i piedi. Si erge a protagonista con la parata da tre punti su Pavoletti nel finale di gara.

Lazzari: 6,5 S'inventa il gol del vantaggio di Pedro scippando il pallone ad Hatzadiakos e fornendo l'assist allo spagnolo. E' uno dei più propositivi per tutta la gara anche se nel finale paga la stanchezza con un paio di leggerezze che portano alla sofferenza finale.

Patric: 6,5 Attento e preciso su Petagna e Lapadula che ad inizio gara provano ad impensierirlo con la fisicità Nella ripresa contiene un paio di ripartenze di Luvumbo.

Gila: 6,5 Bene sull'uomo quando non concede mai a Petagna la possibilità di girarsi. Bravo nel finale a districare un paio di situazioni pericolose. 

Marusic: 5,5 Gara non positiva in cui non riesce mai a farsi vedere in avanti nonostante la superiorità numerica. Commette un errore in uscita da cui nasce l'opportunità per Pavoletti e nel finale va in confusione come tutti. 

Rovella: 5,5 Inizia al piccolo trotto non provando quasi mai la verticalizzazione e commettendo un paio di leggerezze a centrocampo. Rimane negli spogliatoi all'intervallo. 

Cataldi (dal 46'): 5,5 La musica non cambia con il suo ingresso in campo ed il pallone viaggia a ritmi veramente bassi. 

Guendouzi: 6 Fa espellere Makoumbou sfilandogli via in velocità e venendo trattenuto quando si trova a tu per tu con il portiere. Poi però si spegne e non riesce più ad incidere anche perchè gli spazi si chiudono e lui non ha le intuizioni che servirebbero in questi casi.

Luis Alberto: 6 Anche lui come Rovella gioca a ritmo basso cercando di controllare la posizione senza mai provare le giocate in verticale. Si ferma ad inizio ripresa per un problema fisico che non lascia presagire nulla di buono.

Kamada (dal 55'): 6 Sembra uno dei pochi che ha voglia di attaccare, ma non trova quasi mai manforte nei compagni. Sembra però più vivo dal punto di vista fisico.

Isaksen: 6,5 Costruisce l'occasione per il potenziale raddoppio con una bella fuga che spezza in due la difesa dei sardi che però Pedro non riesce a finalizzare. Prova ad accendersi con un paio di guizzi in velocità, ma stavolta non riesce ad incidere, lasciando però una buona impressione. 

Vecino (dal 82'): 6 Pochi minuti per tornare a carburare. 

Immobile: 6,5 Pochi palloni giocabili come troppo spesso accade in questa stagione. Si dimostra generoso quando potrebbe battere a rete ed invece serve un pallone d'oro a Pedro che va vicino al raddoppio. 

Castellanos (dal 70'): 5 Fallisce due ottime occasioni davanti al portiere. Errori che vengono ancor più evidenziati nel finale dalla scelta di andare al tiro in una ripartenza nella quale poteva gestire il pallone alla bandierina o trovare un compagno.

Pedro: 7 Segna un gol facile facile da pochi passi dalla linea di porta con un movimento molto inteligente a smarcarsi. Avrebbe anche la possibilità di raddoppiare, ma fallisce con il sinistro da buona posizione. Cerca spesso la percussione in solitaria senza però trovare fortuna, ma dai suoi piedi nascono i maggiori pericoli. 

Felipe Anderson (dal 70'): 6 Qualche spunto senza però dare l'impressione di essere pericoloso. Si rende utile in difesa in un paio di ripiegamenti.

Sarri: 6 SServivano i tre punti e sono arrivati e sono una delle cosa positive della gara. Dal punto di vista del gioco non si vedono passi in avanti e la squadra è sembrata scolastica, lenta e prevedibile. 

 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio - Cagliari, Pedro: "L'unica cosa buona di oggi sono i tre punti"