header logo

Ciro Immobile  alla fine della gara vinta dalla Lazio contro l'Empoli per 2-0, è intervenuto ai microfoni di Dazn. Queste le sue dichiarazioni: "Sono cose che fanno parte del calcio, ero tanto dispiaciuto perché ci stavamo divertendo, mi dipsiace anche per lui. Aspettiamo divedee i prossimi giorni e faremo gli esami. Spero che sia una vecchia cicatrice che mi ha dato un po’ fastidio per il freddo, se è quello non è nulla di serio".

GRUPPO

Abbiamo parlato tanto durante la settimana. Ci siamo riuniti per dare una scossa alla stagione. Serviva un magia da tutti per tirare fuori il meglio e metterlo a disposizione della squadra. Siamo felici per la prestazione e per la vittoria. Vogliamo risalire la classifica

SPOGLIATOIO  

"Sono cose che ci danno fastidio. Facciamo di tutto per raggiungere i risultati. Non so come possa venire fuori roba dello spogliatoio, sono cose inventate. Per questo sono venuto io a parlare questa sera. Voglio dare un segnale forte su questa storia. Per l’aspetto umano delle persone, nessuno si deve permettere di dire qualcosa".

VITTORIA 

Questo è uno step importante per noi che abbiamo sempre mancato. Ora dobbiamo dare continuità. La partita con l’Inter ci ha dato una mano per la fiducia. In queste settimane abbiamo lavorato tanto sulla testa.

ARABIA 

Il rispetto ci vuole, per quello che sono e sono stato per questa maglia e squadra. Io ho passato i miei migliori anni qui e lo sto facendo ancora con tanto entusiasmo. Il nostro è un gruppo davvero forte e unito, poi ci sono delle incomprensioni che fanno parte del campo. Fuori mai di straordinario. Oggi siamo stati tutti vicini a Mattia e la vittoria la dedichiamo a lui.

RECORD  

I 200 gol spero presto. Spero di stare bene, mi dispiace perché stavo bene. A volte quando sei debole e fragile te lo immagini. Però per le ultime prestazioni stavo bene.

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Empoli - Lazio, Zaccagni: "Cercano di dividerci ma noi restiamo uniti. Dedico il gol a..."