header logo

La mancata proroga del decreto crescita porterà sicuramente delle ripercussioni sulla Serie A. Il decreto, infatti, prevedeva come dal 1 gennaio 2020 ci fosse un regime fiscale agevolato con una tassazione agevolata che dal 45% arrivava al 25% per coloro che non avevano residenza in Italia nei due anni precedenti. Con la definitiva fine delle agevolazioni alcuni club dovranno fare i conti con gli ingaggi dei calciatori che potrebbero incidere in maniera significativa sulle loro casse.

Le squadre più colpite

In Serie A le squadre più colpite sono il Milan che dovrà allo Stato circa 22,45 milioni di euro in più. A seguire c'è la Roma con 22,25, l'Inter con 14,9, la Juve con 12,4 ed il Napoli a 11,85. La Lazio per la fortuna del Presidente Lotito che è stato uno dei maggiori fautori della proroga dovrà allo Stato circa 7,8 milioni di euro in più rispetto allo scorso anno.

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio - Frosinone, Sarri: "Castellanos deve pensare positivo e noi stasera..."