header logo

Alla viglia della sfida contro il Celtic valevole per la quinta giornata del girone di Champions League ha parlato insieme al tecnico Maurizio Sarri anche l'attaccante biancoceleste Pedro che ha risposto alle domande dei cronisti in conferenza stampa.

Destino nelle mani della Lazio

“Sarà una partita difficile. Hanno giocato bene al Celtic Park e sono una squadra fisica e sarà una finale per noi. Sarà un'opportunità per riprenderci davanti ai nostri tifosi e speriamo di vincere”. 

Giocatori preferito del Celtic

"Hart è un grande portiere anche McGregor un gran giocatore. Sono una squadra difficile da battere perchè giocano bene anche con il pallone e lo abbiamo visto anche all'andata".

Flessioni di rendimento

“Difficile trovare i motivi, ma noi stiamo lavorando bene. Qualcosa non va rispetto allo scorso anno soprattutto contro squadre che hanno minor valore. Dobbiamo fare autocritica e dobbiamo tornare indietro a fare le cose basiche come correre di più. Ora è difficile giocare libero e sbloccato, ma dobbiamo pensare partita dopo partita e non guardare la classifica anche se il margine d'errore in campionato è molto basso. Bobbiamo dare tutto in campo e stare concentrati”.

Quanto incide il pubblico di casa

“Sicuramente. Sempre lo ho detto e sempre lo hanno fatto. Anche quando siamo andati male loro sono sempre stati con noi. Abbiamo parlato con loro dopo la partita contro la Salernitana e mi aspetto che anche domani saranno con noi che per noi è fondamentale”.

Giocare contro le squadre scozzesi

“Sarà una gara molto difficile perchè loro hanno una bella squadra e giocano molto forte. LE scozzesi sono sempre state forti a livello fisico e vediamo se domani riusciremo a fare una bella prestazione per portare a casa un vittoria”.

Gol di Glasgow

“E' stato un bel gol ed è sempre bello fare un gol così all'ultimo minuto in uno stadio così. E' sempre bello segnare e festeggiare sotto la curva dei tifosi che stavano, speriamo domani di segnare di nuovo e vivere un momento speciale come abbiamo vissuto al Celtic Park".

Inserimento dei nuovi

“Stanno giocando tutti bene ed io li vedo bene anche se per molti hanno cambiato paese ed idea di gioco. In linea generale li vedo concentrati e più avanti vanno e sempre daranno qualcosa in più. Noi che stiamo qui da più tempo è sempre bello vedere dei nuovi acquisti".

Seguite ancora Sarri ed il suo gioco

“Ovviamente si cerchiamo di fare il meglio con le idee di Sarri. Ogni partita è diversa ed il mister la prepara in maniera diversa ma noi facciamo il meglio per seguire quello che ci chiede”.

Problema è Sarri

“E' un allenatore speciale ed è molto perfezionista e quando le cose non vanno bene c'è un pò di frustrazione. Spero che rimanga tanti anni qui alla Lazio perchè è speciale. Il calcio però è così quando si perdono due o tre partite, ma noi dobbiamo cercare di dare tutto in campo ed allenarci forte e non penso che sia lui il problema ed abbiamo parlato e vogliamo andare avanti uniti. Siamo tutti con lui e siamo tranquilli".

Contratto

“Io ho chiaro che sto bene qua e l'ho detto tante volte. E' chiaro che la mia famiglia è li ed i miei bambini sono la a Barcellona. Questo non mi condiziona ed ho un anno di contratto e non ci penso. Voglio finire qui la stagione e poi dobbiamo parlare e vedere che succede…”.

Fase offensiva scadente

“Io non lo so, ma dobbiamo migliorare tutti gli attaccanti anche se non ne parliamo. Sicuramente è una questione di gioco, ma sicuramente su questi aspetti stiamo lavorando ogni giorno. Bisogna fare autocritica e dobbiamo lavorare e farlo meglio visto che lo scorso anno eravamo forti ed ogni occasione andava verso la porta. Bisogna lavorare per avere una squadra più aggressiva”.

La conferenza stampa di Sarri

 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio, infortunio Zaccagni: l'esterno si ferma di nuovo - I TEMPI DI RECUPERO