header logo

Non si arrestano le polemiche dopo le parole di Mourinho dette prima e dopo il match contro il Sassuolo. Il tecnico portoghese è tornato a parlare in conferenza stampa prima della sfida contro la Fiorentina. Queste le sue parole.

"Dalla giustizia sportiva mi aspetto giustizia. Non è stato un problema per me, la mia vita qui è il lavoro. Mi sono presentato spontaneamente e anche felice perché il procuratore mi ha dato l'opportunità con tutta la naturalezza di dire le cose che volevo. Non ho mai offeso l'arbitro, mai messo in dubbio la qualità dell'arbitro, l'espressione usata mi sembra normale, la utilizzo anche quando parlo di me stesso. E' stata eventualmente capita in un modo diverso, ma durante la gara ha dimostrato di avere le capacità di gestire la gara e l'ho detto dopo il match. Non riesco a vedere problemi con questo. Mi aspetto giustizia. Non posso parlare di quello che è successo ieri. Sono andato con il direttore Pinto e l'avvocato Conte. Abbiamo incontrato Chiné e abbiamo parlato".

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Verona - Lazio, Gila: "Servirà la partita perfetta, gare in trasferta complesse..."