header logo

Le parole di mister Sarri in conferenza stampa dopo la sconfitta della Lazio contro il Feyenoord.

Pressing e atteggiamento tattico

"Si è fatta male per tempi, per intensità, per continuità. Andando uno a 30 all'ora e l'altro piano piano, è normale che arrivassero da tutte le parti. Il problema è l'atteggiamento, di poca personalità. Sapevamo che sarebbe stata questa la partita, è difficile da digerire il primo tempo che abbiamo fatto. Il secondo gol non si può prendere, il primo era nell'aria. Ma il secondo no. È altrettanto evidente che quando ti pressano con questa intensità poi nei 20 minuti finali ti concedono qualcosa e così è stato. Se rimani in partita qualcosa ti concedono, ma quello che non mi è piaciuto è l'atteggiamento remissivo".

Personalità

"Primo tempo siamo stati tutto fuorché una squadra di personalità. Squadra non pronta? Noi in questa competizione siamo con l'acqua alla gola. Dobbiamo camminare in punta di piedi per non bere. Se diamo il 101% possiamo salvarci, altrimenti andiamo tremendamente in difficoltà".

Mai provato a vincere

"Noi parliamo degli aspetti consci, non penso che i ragazzi abbiano avuto meno voglia di giocare a calcio di altre sere. È meglio perdere un pallone per giocare in velocità che per toccarlo una volta in più. Son tutti aspetti inconsci, difficilmente ponderabili".

Formazione sbagliata

"Queste è una di quelle domande... Col senno del poi. Se cambierei qualcosa, non cambierei dove pensi te. Se penso di aver sbagliato la formazione? Mettiamola così, abbiamo perso 3-1 e quindi sì. Non è che si va analizzare una partita persa perché un calciatore era fuori sintonia".

Preoccupazione sconfitta o per come è arrivata

"Sono preoccupato di un aspetto, del fatto che questa squadra, anche nelle partite che fa bene, ha 10 o 15 minuto di vuoto totale. Quello ti lascia un minimo di preoccupazione perché ci sono delle partite in cui hai dei vuoti li paghi cari".

Quanto incide Sarri in queste partite

"Quelli che sono entrati dalla panchina non sono entrati male. Se trovi la chiave su come incidere in maniera totale, le partite le vinci tutte. Sulle problematiche collettive sono più difficili da leggere".

Pellegrini

"In questo tipo di partite, con attaccanti offensive, ho bisogno di difensori più applicati sulla fase difensiva. Anche se poi non è andata bene lo stesso".

Allenabile attitudine a giocare la Champions

"Io faccio fatica a capirle certe cose. Il carattere, che si giochi in Champions o altre competizioni, io non lo capisco. Le partite sono partite. Capisco che la pressione della Champions. Questa competizione prevede questo tipo di situazioni e di avversari. Faccio fatica a capirlo. Mi sarebbe piaciuto di più perdere per eccesso di faccia di cazzo, mi sarebbe piaciuto di più come atteggiamento".

Guendouzi e Castellanos dal primo minuto

"Io sono stato criticato per aver fatto giocare sempre gli stessi, adesso vengo criticato perché ruoto troppo... mettetevi d'accordo. Li ho tenuti in panchina perché li ho avevo fatti giocare sabato sera. Poi contro una squadra del genere vai a scegliere la tecnica o la fisicità? Io ho più il rammarico per non aver fatto giocare Kamada. Se si esclude l'aspetto tecnico, forse era più una partita da Guendouzi. E Ciro non si può abbandonare. Se si fa giocare sempre Castellanos, Immobile non si riprende mai".

 

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Napoli, Osimhen su Immobile: "Ha un grande istinto da bomber. Meglio di lui? No, lui è una leggenda"

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi