header logo

Ai microfoni ufficiali della società è intervenuto il portiere biancoceleste Ivan Provedel che ha presentato la sfida tra Lazio e Bologna.

Cosa vi lascia l'impresa contro il Bayern Monaco?

Ci lascia la consapevolezza che se lavoriamo che se con una certa intensità e con un certo spirito poi è più facile che arrivino certi risultati, cosa che è capitata prima contro il Cagliari e poi contro il Bayern. Per noi è iniziato il primo tempo di una lunga partita che ci deve dare fiducia e consapevolezza, fondamentali per noi domani.

Come si torna in zona Champions?

Dobbiamo lavorare e dare del nostro meglio come ogni giorno, partendo dall'allenamento fino alla gara. Tutti saranno sempre più agguerriti perché ci avviciniamo al termine della stagione, noi dovremo fare sempre meglio, ragionando una partita alla volta possiamo ottenere dei risultati utili.

Ti aspettavi un Thiago Motta così determinante? 

Il mister è stato determinante anche a La Spezia dove abbiamo raggiunto una salvezza impensabile per tutti, se non per lui o noi. Magari esternamente nessuno poteva pensare che il Bologna si ritrovasse così alto in classifica, ma lui è un grandissimo allenatore ed evidentemente è riuscito a entrare nei ragazzi, tutti si stanno esprimendo al meglio.

Quel Napoli-Spezia è stato determinante per la sua permanenza...

Sì, il calcio è fatto di episodi nel bene e nel male. Un episodio può cambiare una stagione e una carriera. Noi dobbiamo saperci stare, saperlo accettare. Per fortuna in quella partita abbiamo vinto e lui è rimasto in panchina permettendoci di raggiungere una salvezza che oggi mi ha permesso di arrivare alla Lazio.

Come si batte il Bologna?

Bisogna fare una gara di grandissimo ordine quando non abbiamo la palla. Quando la conquistiamo, invece, dobbiamo gestirla bene perché loro sono molto bravi ad aggredire il portatore. Noi dovremmo saperla gestire.  All'andata siamo stati molto ordinati tranne in un'occasione e ci hanno punito, questa volta saremmo noi ad aver approfittare di qualche loro sbavatura ed essere più concreti".

Dal Bologna al Bologna, quando hai esordito. Se ti guardi indietro cosa senti?

"Per me è una partita emozionante perché mi ricorda l'esordio con la maglia della Lazio. Si tratta di un bel ricordo, abbiamo portato a casa la vittoria iniziando al meglio la stagione, ma poi finisce lì. Ora dobbiamo pensare un giorno alla volta e a quello che servirà in quest'occasione per vincere. 

 

 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio - Bologna, le probabili formazioni: scelte obbligate per Sarri