header logo

Le pagelle di Lazio - Udinese

Provedel: 6

Decisivo nel primo tempo in tre occasioni sui tiri di Lovric e Kamara e sul colpo di testa di Giannetti. Ha qualche responsabilità sul secondo gol nel quale non va giù reattivo. Combina un paio di pasticci nel finale di gara che simboleggiano la crisi mentale della squadra.

Lazzari: 5

Fa quasi l'attaccante aggiunto e spesso si trova avanti addirittura a Felipe Anderson. Seppur arrembante non trova mai il modo di rendere pericolose le sue sgroppate. Dalla sua parte però arrivano i pericoli maggiori e non è un caso che il gol di Lucca arrivi proprio da li. 

Gila: 6

Seppur in difficoltà a livello fisico con Lucca è uno dei pochi che non fa mancare mai impegno e fisicità. Si sbatte anche in fase di costruzione dal basso dove altri si nascondono.

Romagnoli: 4

La difesa è scollata e da lui ci si aspetta qualcosa in più in termini di personalità. Rimane spesso in mezzo ai movimenti di Lucca e Thuvain sul quale va in bambola in occasione delle reti. 

Hysaj: 5

Uno dei più lucidi in tutta la gara anche se viene coinvolto nell'azione del secondo gol dell'Udinese. Per il resto non commette grandi sbavature e sbroglia un paio di situazioni difficili. 

Cataldi: 4,5

Prima mezzora di buona fattura in cui cattura tanti palloni sulle uscite dell'Udinese. Qualche buona intuizione, ma poi con il passare dei minuti perde le distanze dalla difesa e su due buchi centrali nascono i due gol dell'Udinese. 

Kamada (dal 60'): 4,5

Fuori dai giochi da diverso tempo entra in campo nel momento del bisogno e non è pronto a fare la guerra .

Vecino: 5

Uno dei pochi a provarci nell'area di rigore avversaria dove però a parte qualche sponda ed un tentativo al volo non trova mai lo spazio per fare male. In mediana soffre la gamba dei giocatori dell'Udinese che lo mettono alla frusta nella ripresa. 

Luis Alberto: 4

Prova con un paio di conclusioni dalla distanza ad alzare i giri del motore nei primi minuti. Tutto fumo e niente arrosto perchè finisce le energie ed il suo atteggiamento è irritante perchè smette troppo presto di lottare ed assumersi responsabilità. Esce per disperazione.

Pedro (dal 80'): 4,5

Entra a partita compromessa, ma mette in scena tanti errori che mettono in mostra una condizione impresentabile.

Felipe Anderson: 4

Nonostante l'aiuto di Lazzari che spesso va a suo supporto rimane molto timido durante tutto il primo tempo. Si vede solo in occasione di un pallone che poteva rifinire meglio su Zaccagni e per un tiraccio da fuori area alto. Ectoplasma.

Isaksen (dal 46'): 4,5

Leggero, ingenuo ed impalpabile in ogni fase di gioco. Mette in mostra la sua inadeguatezza in questi momenti in cui servirebbero giocatori veri.

Immobile: 4,5

Ha sui suoi pieni due buone occasioni che sciupa senza trovare la porta da ottima posizione. Per il resto gira  troppo a largo dell'area di rigore senza mai puntare dritto verso la zona dove dovrebbe far valere le sue doti.

Castellanos (dal 60'): 4,5

La palla sembra scottare sui suoi piedi ed ogni qual volta gli arriva fa di tutto per liberarsene in fretta. Sembra anche privo di di esperienza e personalità quando all'ultimo assalto prova a lucrare un rigore piuttosto che cercare di battere a rete.

Zaccagni: 6

Pronti via e prende il palo con un tiro da fuori area. Manca l'impatto con il pallone a pochi metri dalla porta che poteva portare in vantaggio la squadra. Da una sua percussione nasce il gol del momentaneo pareggio e solo lui sembra in grado di assumersi la responsabilità di provare a fare qualcosa con il pallone tra i piedi. 

Sarri: 3

La squadra è psicologicamente fragile ed al limite dell'isteria. Il subire due reti in pochi minuti e sinonimo di giocatori che sembrano aver mollato di testa. La sostituzione di Immobile seppur in giornata negativa impoverisce l'attacco perchè al momento Castellanos è assolutamente fuori da ogni logica di gioco. Alla stessa maniera in questa serata sembra emergere ancora di più l'esigenza di una profonda rifondazione qualora la società voglia continuare con lui sulla panchina. 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio - Udinese, la conferenza stampa di Martusciello - VIDEO