header logo

Domani scatterà la due giorni dedicata alle semifinali di Champions League. L’antipasto ricco che farà da proscenio al derby di Milano sarà la gara tra Real Madrid e Manchester City che replicheranno quella andata in scena lo scorso anno.

REAL MADRID – MANCHESTER CITY

In casa dei Blancos Carlo Ancelotti dovrà fare a meno di due pedine fondamentali in difesa come Mendy che è infortunato e Militao squalificato. Il terzino francese verrà sostituito da Camavinga mentre al centro verrà spostato a fare coppia con Rudiger l’ex Bayer Monaco Alaba. Problemi in difesa per Guardiola che ha perso Ake per infortunio che verrà sostituito da Walker ritenuto il più adatto per fermare il pericolo numero uno che è Vinicious. La partita però vivrà molto sulla sfida tra i due centravanti Benzema e Haaland che rappresentano il passato ed il futuro in quel ruolo per il calcio mondiale.

PROBABILI FORMAZIONI

Real Madrid (4-3-3): Courtois, Carvajal, Alaba, Rudiger, Camavinga; Kross, Modric, Valverde; Vinicius, Benzema, Rodrygo

Manchester City (3-2-4-1): Ederson, Walker, Dias, Akanji, Stones; De Bruyne, Rodri, Gundogan; Mahrez, Haaland, Grealish

MILAN – INTER

A Milano, invece, i tifosi del Milan vivono ore di tensione per capire se Rafael Leao sarà a disposizione di Pioli per la sfida ai cugini nerazzurri. L’elongazione del muscolo lungo adduttore della coscia destra ha messo a forte rischio la presenza del portoghese che mette il tecnico rossonero di fronte alla scelta di trovare un sostituto che con tutta probabilità sarà Saelemaekers. In casa nerazzurra il dubbio più grande di Inzaghi riguarda la scelta del partner d’attacco da affiancare a Lautaro Martinez. Dzeko sembra essere il favorito, ma le ultime prestazioni incoraggianti di Lukaku lasciano ancora aperto il ballottaggio. Stessa cosa a centrocampo per quanto riguarda il ruolo di play centrale dove Brozovic insidia Calhanoglu.

PROBABILI FORMAZIONI

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez; Krunic, Tonali; Brahim Diaz, Bennacer, Saelemaekers; Giroud. All. Pioli.

INTER (3-5-2): Onana; Darmian, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Lautaro, Dzeko. All. S.Inzaghi

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio Women: esonerato Catini, al suo posto arriva Grassadonia - IL COMUNICATO

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi