header logo

È toccato a lui questa mattina, parlare di bullismo e sport. Lo ha fatto all' High School Marymount di via Livorno 91. Alessio Romagnoli, difensore della Lazio, ha parlato però anche della scelta che in estate dopo tanti anni al Milan con la fascia di capitano lo ha portato alla Lazio, la sua squadra del cuore: "Come ho sempre espresso durante la mia carriera sono sempre stato della Lazio, anche se sono cresciuto nell’altra sponda (Roma, ndr). Era qualche anno che si parlava di venire qua, quando c’è stata l’opportunità sono venuto. Ho fatto alcune rinunce, tanti sforzi li ha fatti Lotito. Ci siamo trovati. Non ho mai pensato di non venire, era il sogno più grande della mia vita. Giocare per la squadra del cuore è bellissimo, andavo all’Olimpico a vedere le partite. Al cuore non si comanda, alle passioni nemmeno".

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio, Romagnoli: "Nesta imparagonabile. Miglior difesa? Grazie a Sarri abbiamo capito..."