header logo

Ai microfoni di Repubblica è intervenuta Elisabetta Margiotta Nervi segretaria della Pierluigi Nervi Project Foundation che ha tuonato contro la possibilità che lo Stadio Flaminio diventi lo Stadio della Lazio. “Se il Comune lo darà a Lotito, noi con l’appoggio delle associazioni sportive daremo battaglia. Lotito giustamente ha bisogno di 45 mila posti. Per realizzarli verrebbe meno l’aspetto estetico del Flaminio, che è perfettamente inserito nel quadrante. Le tribune formano un’onda che sembra adagiarsi accanto alla collina dei Parioli e ne riprende il movimento. Se il numero di seggiolini da 20 mila diventasse 40 mila, non sarebbe un altro stadio? E poi pensate alla copertura: l’impianto di Nervi verrebbe imprigionato e imbavagliato da una struttura esterna. Che poi mi chiedo dove sorgerebbe, c’è poco spazio per i piloni. Il Flaminio non può essere utilizzato come una sorta di zoccolo per metterci sopra un’altra arena. Non va distrutto, che non vuol dire non fare nulla: è un falso mito”.

Il presidente della Lazio Claudio Lotito

 

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Grande festa per il 50° anniversario del Lazio Club Terracina: tra gli invitati Isaksen, Gregucci e Toni Malco

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi