header logo

Ai microfoni di Lazio Style Channel è intervenuto Mattia Zaccagni che ha risposto alle domande sulla sua stagione a partire dal derby fino a passare alla sua esperienza in maglia biancoceleste.

Raccontaci del derby...

"Un'emozione incredibile, avvenuto tutto a pennello. Una vittoria importante per il derby, il nostro percorso e la classifica. Una serata perfetta. Il gol e la caviglia piegata? Beh, lì mi sono trovato davanti al portiere, non ci ho pensato tanto, è stato un movimento innaturale, ma naturale, cioè mi è venuto spontaneo. È andata bene. L'altra cosa perfetta è stata segnare sotto la Curva, coi compagni e la panchina intera a festeggiare là. Veramente tanto emozionante".

Chi ha caricato di più prima del derby?

"Tanti sono qui da tempo, tanti sono romani, non c'è bisogno di caricarla più del dovuto, però è una gara sentita da tutti. In campo si sente la pressione e la piazza calda". 

Parte il quiz derby: minuto del tuo gol?

"64 (giusta)". 

Chi è l'altro laziale in aerea quando calci? 

"Milinkovic o Pedro (sbagliato, era Felipe Anderson)".

Chi ti abbraccia per primo?

"Pellegrini (giusta). Si stava riscaldando, penso abbia visto il gol meglio di tutti, era in linea e in corsa per esultare. Questo lo ricordo bene".

A chi lasci il posto?

"Cancellieri, facile".

I risultati degli ultimi due derby vinti dalla Lazio nella stessa stagione?

"2-1 e 3-2 (sbagliato, il secondo era 1-2)". 

Scegli tre giocatori della storia della Lazio? 

"Radu, Chinaglia e Ciro"

La pazzia più grande fatta da un tifoso per te?

"Forse ci vuole ancora un po' di tempo per le pazzie, spero arrivi presto. All'entrata spesso ci sono tanti bambini, ragazzi, persone che ci chiedono foto e autografi, fa sempre piacere".

Cosa sei disposto a fare per vincere un trofeo qui?

"Sarei disposto a qualsiasi cosa, un trofeo è sempre qualcosa di importante, che ti porti dietro per tutta la vita. Sacrificherei tante cose...".

Del Piero era il tuo idolo, ci hai mai parlato?

"Purtroppo non ho mai avuto la possibilità di incontrarlo o parlarci. Spero di farlo presto". 

Quali sono le domande più scontate che ricevete voi calciatori prima o dopo la partita?

"Dopo le partite, magari quando perdi, ci fanno sempre le stesse domande. Più o meno anche quando si vince. Però quando si vince ti chiedono se la squadra è pronta per la Champions, tu devi dire che si pensa partita dopo partita. Per tante domande la risposta è sempre la stessa, anche perché non si può andare fuori dalle righe". 

L'accusa a voi calciatori che ti dà più fastidio?

"Ci sono giocatori e giocatori, mi dà fastidio quando si pensa che ci diamo tutti troppe arie. Quello è un po' fastidioso. Spesso la gente si dimentica che siamo persone, prima di essere giocatori. Abbiamo le nostre abitudini, nel calcio come in ogni lavoro ci sono caratteri e caratteri. Dipende di persona in persona". 

Tuo figlio in cosa ti rende più forte?

"Da quando è nato mi sento più responsabile in generale. Mi ha cambiato la vita, una gioia immensa".

Ti arrabbierai se tuo figlio si vestirà come quale compagno di squadra?

"Se si veste come Gila lo mando via di casa".

Un aneddoto su Immobile avversario?

"Ricordo una volta in un Lazio-Verona che era stata la prima volta che ero stato convocato in Nazionale, lui non era venuto per infortunio. Quando ci siamo incrociati mi ha chiesto come fosse andata, se fossi soddisfatto".

C'è un audio di un compagno che eviti di ascoltare in pubblico?  

"Audio e foto, sono tante cose che cerco di non vedere in pubblico. Un gruppo fantastico, sano, ci sono tanti ragazzi molto simpatici. Non ci si annoia mai".

Ancora Pedro il compagno più forte mai avuto?

"Sì, sotto tanti punti di vista. Aspetto tecnico, tattico, mentale. Ha vinto tutto, abbiamo solo da imparare da lui". 

In cosa il DNA della Lazio ti è entrato dentro?

"La passione che trasmette la gente, senti qualcosa di cui fai parte. Ti portano dentro l'ambiente, ti fanno sentire l'importanza della maglia. Mi piace questo ambiente familiare, che ti coccola, è la cosa più bella che ci possa essere nel calcio".

Esultanza per il decimo in campionato? (intervista registrata prima del gol alla Juve). 

"Freccia, poi il numero 10 e la T di Thiago". 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
FORMELLO - Vecino torna in gruppo: tre gli assenti alla ripresa