header logo

Le pagelle di Empoli - Lazio:

 

Provedel: 8

Decisivo nel primo tempo sul tiro di Cambiaghi e su un'altra conclusione dalla distanza deviata che diventa pericolosa. Miracoloso su Cambiaghi ad inizio ripresa e poco più tardi è attento sui tiri velenosi di Maldini e Fazzini.

Marusic: 5,5

Il doppio errore contro Atletico Madrid e Inter sembra ancora essere nella sua mente. Commette qualche errore in fase di palleggio che mette in apprensione i compagni che lo salvano in un paio di circostanze. 

Gila: 6

Soffre la vivacità di Maldini e Cancellieri che lo mettono in difficoltà sulle letture dei lanci lunghi dalla difesa. Si barcamena con il mestiere senza commettere sbavature importanti.

Patric: 6,5

Rischia molto su Cambiaghi che ferma con una trattenuta he poteva costare di più. Riesce però a convivere con il cartellino giallo ed a gestire gli attacchi dei toscani con grande lucidità guidando un reparto inedito nella sua composizione. 

Pellegrini: 6

E' all'esordio al primo minuto in campionato e la ruggine si vede tutta soprattutto sugli affondi di Fazzini e Cancellieri che spesso lo mettono alla frusta. Esce fuori alla distanza giocando un secondo tempo di grande sostanza in cui lascia intravedere una discreta condizione fisica.

Rovella: 5,5

L'Empoli è molto aggressivo in mezzo al campo e spesso salta la linea mediana per andare a prendere le seconde palle su cui non è sempre lucido. Prova a cucire qualche trama offensiva senza grande efficacia.

Cataldi (dal 76'): 6

Entra a partita in controllo e riesce a gestire i minuti finali con qualche difficoltà, ma senza commettere errori.

Guendouzi: 8

Ha l'argento vivo addosso e si vede subito quando al nono minuto esce vincitore da una mischia in area di rigore segnando il primo gol in campionato con la maglia biancoceleste. Nel momento di maggiore sofferenza ruba un pallone a centrocampo e poi rifinisce per Zaccagni per la seconda rete che conta tantissimo nell'economia della gara. 

Luis Alberto: 6

Da il via all'azione del gol del vantaggio di Guendouzi ed in quell'occasione sente una fitta. Prova a rimanere in campo ma si arrende poco dopo.

Kamada (dal 24'): 6,5

Entra a freddo dimostrando però di calarsi subito nel clima partita giocando semplice ed aggressivo. Corre tanto ed è uno dei pochi che quando ha il pallone tra i piedi riesce a giocarlo con efficiacia.

Felipe Anderson: 6

Gara in chiaroscuro in cui fa emergere il bello ed il brutto di questa stagione. Qualche giocata da brasiliano che mette alle corde Bastoni, ma poi tanti errori in fase di rifinitura che vanificano quanto di buono fatto. 

Isaksen (dal 76'): 6,5

Rientra in campo con tanta voglia di fare e gioca una ventina di minuti a buon ritmo.

Immobile: 6

Giornata sfortunata in cui sembra essere in condizioni di fare male all'Empoli. Entra nell'occasione del gol e poco prima di lasciare il campo mette in porta Guendouzi che non riesce a concretizzare.

Castellanos (dal 21'): 5

Corpo estraneo a questa squadra ed in un ruolo che non sembra tagliato per lui. Anticipato quasi sistematicamente dai difensori avversari si guadagna l'insufficienza piena fallendo un gol clamoroso a 5 metri dalla porta. 

Zaccagni: 7

Da il via all'azione del vantaggio innescando Luis Alberto in mezzo all'area di rigore. Sembra essere ispirato ed ogni volta che entra in possesso del pallone è uno dei pochi che punta l'area di rigore avversaria con decisione venendo premiato con il gol dello 0-2 che indirizza il risultato.

Pedro (dal 76'): 6

Gira a vuoto nei pochi minuti impiegati giocando solo per gestire il possesso più che per attaccare. 

Sarri: 6,5

Porta a casa tre punti fondamentali tra mille difficoltà e tanta sofferenza. Gli infortuni di Immobile e Luis Alberto lo mettono in estreme difficoltà e la squadra si aggrappa a Provedel e Guendouzi. Nel finale però l'anima ferita di questo gruppo viene fuori tirando fuori il massimo possibile.

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
IL TABELLINO DI Empoli - Lazio 0-2