fbpx

Sassuolo – Lazio, Sarri: “Champions League? Sono incazzato, siamo quinti e sembra un dramma…” – VIDEO

Alla viglia della sfida contro il Sassuolo ha parlato nella sala stampa del quartier generale di Formello il tecnico della Lazio Maurizio Sarri che ha risposto alle domane dei giornalisti presenti.

TENUTA PER 90′ MINUTI COME OBIETTIVO?

“I parziali lasciano il tempo che trovano. La Lazio ha dimostrato di proporre un buon gioco e c’è da mettere a posto questo, l’obiettivo è quello di rimanere dentro la partita mentalmente per 100 minuti”. 

DIONISI COME EREDE DI SARRI?

“Buon allenatore, sicuramente uno dei ragazzi emergenti della scuola sicuramente capitanata da Roberto De Zerbi. Sta venendo fuori bene lui e penso che verrà fuori anche Palladino”. 

IL SASSUOLO

“Il Sassuolo da anni in casa fa risultati importanti contro squadre importanti. Anche quest’anno i numeri sono gli stessi e lo sfruttamento del fattore casalingo è difficile da spiegare considerando il contesto. Loro fanno il doppio dei punti in casa rispetto alle trasferte e fanno il doppio dei gol e ne subiscono la metà quando giocano in casa”.

LA SQUADRA

“La Lazio si è allenata benissimo, ha perso un po’ d’entusiasmo. Ma per mettere a posto quello dobbiamo passare per il risultato. Difficile comprendere i blackout pensando al modo in cui s’allena. Lavora benissimo nel corso della settimana”.

CILINDRATA MENTALE COME AUMENTARLA

“Siamo nettamente in grado di giocare sulla stanchezza fisica. I dati fisici degli ultimi 20 minuti sono simili a quelli dei primi 20 minuti. Abbiamo qualche difficoltà sulla stanchezza mentale. Diventiamo passivi, in balia degli eventi. Penso che i ragazzi devono togliere tutte le turbe mentali di dosso e pensare solo a giocare a calcio. Se lo faranno credo si possa migliorare molto”. 

MILINKOVIC

“ha già fatto una buona prestazione nell’ultima partita. E’ passato da perdere 25 palloni a perderne 10 con una percentuale di verticalizzazione superiore. Ha avuto delle difficoltà a ripartire dopo il Mondiale e questo vale per Milinkovic e anche per Vecino. Anche forse quest’ultimo sta avendo qualche difficoltà in più a uscire da questa situazione”.

MILINKOVIC PIU’ LUIS ALBERTO A CENTROCAMPO?

“Sono due giocatori dalla propensione offensiva, se giocano con la stessa attenzione di domenica scorso possono giocare insieme”. 

MANCA CATTIVERIA AGONISTICA?

“Se si va in passività mentale, pensare di essere aggressivi e cattivi è difficile. È una conseguenza. Noi per caratteristiche non siamo una squadra cattiva, ma dobbiamo avere più una gestione cattiva di certi momenti della partita, non tanto di cattiveria intesa come aggressività. Contro l’Empoli quando l’arbitro alza i 4 minuti di recupero non si deve più giocare. Ed invece non ho visto nessun giocatore portare il pallone alla bandierina e nessun giocatore rimanere a terra 40” secondi”.

SCUDETTO NAPOLI

“Io penso a rimettere a posto questa situazione però se il Napoli continua a giocare in questo modo, la vedo difficilmente raggiungibile”. 

LOTTA CHAMPIONS

“Sono un po’ incazzato. Noi siamo quinti e sembra che sia un dramma. La storia degli ultimi dieci anni della Lazio vede come top risultato un quarto posto e come minimo un ottavo posto. Non vedo tante qualificazioni in Champios. Andiamo avanti e cercheremo di tornare in lotta fino alla fine”.

MERCATO

“Nel mio Paese il mercato c’è il martedì mattina, se ne parla lunedì sera. Abbiamo fatto 1 punto in 3 partite penso a questo”.

SOSTITUTO LAZZARI

“Penso partirà Hysaj per poi tenere Radu in considerazione nel corso della partita”.

CASALE

“Ha fatto un piccolo intervento a un dente. È stato fermo solamente per questo, non ha problemi fisici”. 

COMPLIMENTI DI SPALLETTI

“Dire che si ricordano a Napoli più Sarri che Benitez che ha vinto due trofei mi ha fatto piacere. ma probabilmente tra qualche anno si parlerà più di Spalletti che di Sarri”.

DOVE CRESCERE

“La partita di Lecce abbiamo fatto un buon primo tempo e un secondo da squadra spenta e non la ritengo neanche un dettaglio prendere in considerazione. Non puoi pareggiare una partita come quella contro la Sampdoria o contro l’Empoli. Dobbiamo crescere nella cura di queste piccoli dettagli. La squadra è arrivata a un punto in cu, quando viene attivata, ha capacità di giocare un buon calcio. È corta, compatta. Quando non subivamo gol, sapevo che sarebbe finito perchè i nostri indici di protezione dell’area non era altissimi. Ora che prendiamo gol abbiamo indici di protezione dell’area migliori. Finirà anche questo periodo”. 

ALLENABILE VINCERE OLTRE IL 90′ MINUTO?

“E’ come se mi chiedi se è allenabile una botta di culo. Il gol al 93′ lascia il tempo che trova. Se poi viene al termine di una gara dove sei stato per 70′ minuti nell’area di rigore avversaria è un conto. In una gara equilibrata vincere al 90 è una questione di fortuna”. 

HYSAJ

“Lo vedo meglio. Ha avuto un buon impatto iniziale la scorsa stagione, poi mesi e mesi di difficoltà. Quest’anno lo vedo meglio. Ho sentito diverse critiche per il gol di domenica, ma è quello che ha meno responsabilità. Ha fatto un discreto ingresso e l’errore a monte”.

VIDEO