fbpx

CALCIOMERCATO LAZIO – Dal rinnovo di Milinkovic a Pellegrini per arrivare alla pazza idea di uno scambio

CALCIOMERCATO LAZIO – Situazione ancora in stallo per quanto riguarda il rinnovo di Sergej Milinkovic Savic. Al momento Kezman non ha intenzione di sedersi al tavolo per trattare visto che non arrivano segnali positivi dalle squadre interessate al Sergente. La Juventus al momento sembra essersi defilata visto i problemi societari legati alla vicenda plusvalenze. Rimane in piedi l’interesse dell‘Arsenal che però non è intenzionata ad offrire oltre 40 milioni alla Lazio per il cartellino. Per questo motivo al momento l’entourage di Milinkovic non ha preso in considerazione ipotesi di rinnovo.

Per quanto riguarda il mercato in entrata rimane ancora viva la pista che porta a Luca Pellegrini. L’esterno sinistro ha già dato il via libera al trasferimento in biancoceleste, ma rimane da trovare l’accordo con l’Eintracht Francoforte e soprattutto con la Juventus. I tedeschi non vogliono trattenere il calciatore controvoglia, ma richiedono tempo per trovare un sostituto. Dall’altra parte la Juventus dovrebbe convincersi a concedere alla Lazio le stesse condizioni pattuite con i tedeschi per il pagamento della metà dell’ingaggio di Pellegrini che prende 3 milioni di euro a stagione. Lotito offre sul piatto un prestito di 18 mesi con obbligo di riscatto al raggiungimento di determinati risultati. Tutto sta nel trovare l’accordo sulla formula, ma più il tempo passa e più potrebbe diventare complesso ottenere il via libera dei tedeschi. Al momento sono sempre più defilate le ipotesi che portano a Parisi o Valeri sui quali si è raffreddato l’interesse dei biancocelesti.

Nelle ultime ore poi si è ipotizzata la pazza idea di uno scambio con il Verona tra Basic ed Ilic. Non è una novità che Sarri stravede per il centrocampista serbo che potrebbe essere utilizzato alternativamente come centrale e come mezzala. Al momento poi le difficoltà d’inserimento di Basic che dopo un anno e mezzo a Roma non ha convinto del tutto potrebbero portare la società a trovare una soluzione per garantirgli una maglia da titolare. Il Verona è di fronte anche ad una scelta difficile perché in caso di retrocessione vedrebbe il prezzo del cartellino di Ilic crollare vista la necessità che avrebbe nel cederlo.