fbpx

Lotito corre in soccorso di Agnelli: “La Juventus ha contribuito al sostentamento del calcio italiano. Sulla Lazio…”

A margine del Premio Colalucci è intervenuto il Presidente della Lazio Claudio Lotito che ha parlato della situazione legata alla Juventus.  “Non faccio il magistrato. Tutti quando vincono salgono sul carro, poi scappano quando c’è qualche problema, scappando oltretutto dalle persone da cui tutti si sono abbeverati. Ci sono squadre che hanno guadagnato tanto dalla vendita di due giocatori, se non ci fosse stata la Juve non avrebbe incassato 160 milioni. Oggi tutti parlano male della Juve, ma ha contribuito al sostentamento del calcio italiano”.

Parole che vanno in soccorso della Juventus con la quale ci sono state spesso delle frizioni in occasione delle questioni riguardanti la Lega Calcio. Lotito però ci tiene a preservare la posizione del club biancoceleste. “Non so se la questione si allargherà ad altri club. Sicuramente non si allargherà alla Lazio, non abbiamo di questi problemi e per me è un fatto di orgoglio e tranquillità. Sono partito da una situazione drammatica e oggi non abbiamo bisogno di artifizi per tenere in piedi il bilancio”.

Lotito, infine spende parole in soccorso di Andrea Agnelli “L’ho visto al Senato e l’ho abbracciato. Mi ha dato un’impressione dal punto di vista umano non giusta rispetto a ciò che ha dato al calcio italiano. Dire che la Juve sia il male del calcio italiano non è giusto. Oggi tutti si scatenano per creare dissidi nei confronti della Juve. Un conto è la politica, un altro il valore umano. Andrea è uno che lavora. Ci incontravamo in ufficio da me alle 8, vuol dire che si svegliava alle 5, alle 6”.