fbpx

Mondiali 2022, Infantino respinge le critiche: “Oggi mi sento del Qatar, arabo, africano e gay. L’Europa si dovrebbe scusare per 3000 anni…”

Va all’attacco il numero uno della FIFA Gianni Infantino che nella conferenza stampa di presentazione dei Mondiali ha voluto respingere tutte le critiche piovute sull’organizzazione. Dai diritti dei lavoratori fino ad arrivare alla comunità LGBT Infantino ha voluto fare chiarezza ed ha voluto rimarcare la bontà della scelta di disputare questa edizione in Qatar.

“Siamo stati pesantemente criticati. Oggi mi sento del Qatar, arabo, africano, gay. Oggi mi sento un lavoratore immigrato. Ricordo i miei genitori, che da immigrati hanno lavorato duramente, alle frontiere, cercando lavoro in Svizzera. Quando sono arrivato a Doha mi sono ricordato della mia infanzia, ho detto: ‘Questo non va bene, dobbiamo fare qualcosa’. La Svizzera è un esempio di inclusione. Anche il Qatar ha fatto progressi. Certo che non sono del Qatar, non sono africano, non sono arabo, non sono gay, non sono un lavoratore migrante… Ma so cosa vuol dire essere vittima di bullismo per essere diverso a scuola, per avere i capelli rossi. Ecco perché non è facile leggere le recensioni ogni giorno da 12 anni. C’è un doppio standard. Sono europeo. Chi aiuta i lavoratori migranti? Lo fa la Coppa del Mondo, lo fa la FIFA. Circa 25.000 lavoratori immigrati sono morti a causa della politica migratoria europea dal 2014. In Europa chiudiamo i nostri confini e non accettiamo lavoratori che vengono a lavorare legalmente. Sì, c’è chi viene a lavorare. E poi critichiamo il Qatar. C’è un doppio standard. Per quello che noi europei abbiamo fatto negli ultimi 3.000 anni dovremmo scusarci per i prossimi 3.000 anni, prima di dare lezioni morali agli altri. Queste lezioni morali sono solo ipocrisia”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6479 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione