fbpx

Lazio – Sturm Graz, la conferenza stampa di Sarri: “Turnover fissazione italiana. Milinkovic? Stampa distorta si parla troppo di gossip” – VIDEO

Alla vigilia della sfida di Europa League tra Lazio e Sturm Graz il tecnico biancoceleste Maurizio Sarri ha presentato la gara nella consueta conferenza stampa.

LO STURM GRAZ

“E’ una squadra che ha numeri fisici impressionanti. Fino ad ogggi è l’unica delle nostre avversarie che ha fatto meglio dal punto di vista fisico ed atletico. Hanno anche una buona organizzazione tattica e due-tre giocatori di buon livello. Si sta giocando il campionato con il Salisburgo punto a punto, guardiamo la sostanza e non il nome, lo Sturm è più forte del suo nome”. 

SPEGNERE GLI ENTUSIASMI

“Non mi importa nulla di fare il pompiere. Contro la Fiorentina abbiamo fatto una buona partita tecnica, ma non a livello tattico. Abbiamo concesso tanto e dobbiamo fare meglio. La partita si è messa bene subito, se si fosse messa male magari saremmo andati in difficoltà. A volte ho detto anche che ero contento dopo un ko”. 

TURNOVER

“La parola turnover mi sta un po’ sul cazzo. Questa è una fissazione solo italiana. Le inglesi giocano sempre con gli stessi 11 e giocano più di noi. Magari qui abbiamo un dispendio di energie maggiori mentre loro hanno l’abitudine innata di giocare ogni 3 giorni. Il recupero mentale lì forse è più veloce. Questa settimana è diversa rispetto alla precedente, ci saranno 3 partite in 6 giorni e non in 8. Oggi tiriamo le somme, anzi, più che altro domani. A me preparare le partite in mezz’ora non piace per niente, sembra di fare un altro lavoro. Siamo costretti a farlo visto il Mondiale in inverno, ci adattiamo. Vediamo domani mattina”.

CALCOLI IN VISTA DELL’UDINESE

“Difficile anche fare i calendari in questo ambaradan senza senso. Siamo al delirio assoluto. Il calendario è questo, mi sarebbe piaciuto giocare almeno domenica sera, avere qualche ora in più. Quando ci sono soltanto 66 ore tra la fine di una partita e l’inizio di un’altra, anche 2-3 ore in più sono determinanti. Non ci sono grandissime problematiche fisiche, poi però c’è il recupero fisico e mentale da trovare in tempi ristretti. Nell’allenamento di oggi sarà difficile valutare le condizioni, non sarà una seduta di grande dispendio fisico”.

ALLENARE L’INTENSITA’

“I tempi effettivi dei campionati europei sono leggermente superiori. L’intensità si allena in allenamento, però poi bisogna ricordarsi di un aspetto. I giocatori hanno una cilindrata, se uno è un 4mila è un 4mila, mentre se uno è un 2mila rimane un 2mila. Se parliamo di una macchina si può truccare. Si può migliorare anche coi giocatori, poi però ci sono alcuni giocatori che costano 100 milioni, altri che costano decisamente meno e c’è un motivo”. 

MASSIMO MAESTRELLI

“Questo non lo so, mi piace come persona, mi piace sentirlo. Poi se ci sono contatti con la società non lo so, per il momento me lo tengo come amico”.

CANCELLIERI

“Lo scorso anno ha fatto 214 minuti con il Verona. Quest’anno è già sopra i 200 e sta facendo quindi un bel percorso. Anche a Firenze è entrato da esterno perché ha la gamba per attaccare gli spazi e la Fiorentina ci assaltava sulle fasce”. 

BASIC

“Gli manca un pizzico di personalità e basta. La responsabilità se ha giocato meno è mia perché è un giocatore completo. Più degli altri che ho a centrocampo. Quindi magari se la partita si mette bene uno pensa a fare entrare più il centrocampista difensivo, se si mette male metto uno più offensivo. La colpa è mia, me lo sono dimenticato in panchina troppo spesso”. 

MILINKOVIC

“A me sembra se ne parli troppo invece. Vinciamo 4-0 e si parla di lui sul mercato che va in un’altra squadra. Questo per far capire quanto per me possa essere distorta la stampa. Filippo Ganna ha vinto facendo un’impresa, io per avere notizie metto i canali specializzati. Si parla troppo di gossip. Milinkovic ha dati straordinari, altri in cui deve migliorare come per esempio le palle perse. Un centrocampista straordinari, ma ha ancora margini di crescita”. 

CASALE

“E’ guarito dal punto di vista medico, poi è chiaro, si è fermato e si sta cercando di riportarlo velocemente a un livello di competitività. Penso sia vicino, nelle prossime partite verrà preso in considerazione. I passi in avanti non li ha fatti solo la linea, ma è tutta la squadra che protegge di più la difesa. Però il periodo che stiamo valutando è ancora corto, quindi non troppo attendibile”.

VIDEO