fbpx

Lazio Provedel: “Lo Spezia sarà agguerrito, ma noi dobbiamo pensare a noi stessi…”

Alla vigilia della gara contro lo Spezia ha parlato nel match program distribuito dalla Lazio il portiere biancoceleste Ivan Provedel. L’estremo difensore ha giocato fino alla scorsa stagione con i liguri ed affronterà il suo recente passato.

“Che partita mi aspetto? Affrontiamo una squadra che ha cambiato allenatore e tanti calciatori, compreso il modo di giocare. Hanno però mantenuto lo zoccolo duro, quello che ha garantito la salvezza nelle ultime due stagioni. Stanno bene, sarà dura vincere: li conosco e so che saranno agguerriti. Noi però pensiamo a noi stessi e a vincere la partita. Sarà poi bello incontrare di nuovo i miei ex compagni di squadra ma tutto si fermerà poco prima del fischio di inizio”.

I due anni in Liguria ti hanno cambiato vita e carriera: in cosa ti senti più forte rispetto a prima?

“Sicuramente in tutto, sono cresciuto sotto ogni punto di vista sia dentro che fuori dal campo. Questo fa parte del mio lavoro, per questo spero di continuare a migliorare di stagione in stagione”.

In ordine cronologico, da agosto ad oggi: arrivo alla Lazio, debutto in Europa e prima convocazione in Nazionale. Non male…

“Sono molto felice di questo, come detto il giorno del mio arrivo alla Lazio penso solo a fare del mio meglio per dimostrare di poter stare qua ed aiutare la squadra. Sto lavorando bene e credo che in campo si veda ma questo non vuol dire nulla perché ogni partita ha una storia diversa dalle altre. L’esordio in Europa e la prima convocazione in Nazionale sono sicuramente un motivo di orgoglio che mi spinge a lavorare sempre meglio”.

Già 3 clean sheet in stagione, quanto è importante in questo il lavoro di squadra?

“Penso che sia un discorso legato al lavoro collettivo, la squadra sta facendo bene seguendo le direttive di Sarri ed il campo è il riflesso di quello che si fa durante la settimana, anche se ormai si gioca sempre ogni tre giorn. Finora il nostro cammino è stato buono ma possiamo fare ancora meglio”.

Tra i tuoi nuovi compagni di squadra, c’è un calciatore che ti ha stupito nel vederlo in campo tutti i giorni?

“Sarebbe riduttivo fare un solo nome. Mi hanno sorpreso tutti, soprattutto per il modo di lavorare della squadra, partendo da Immobile che è il capitano al più giovane Romero. Il valore dei singoli calciatori invece già era noto da quando li affrontavo da avversario”

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6479 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione