fbpx

Midtjylland-Lazio, la conferenza di Sarri: “Squadra morta, crolli emotivi improvvisi che non sono facilmente risolvibili” (VIDEO)

Una sconfitta pesante, una vera e propria debacle. La Lazio perde sonoramente per 5-1 contro i padroni di casa davanti a 200 tifosi biancocelesti a cui prontamente la squadra e Sarri hanno chiesto scusa. Proprio il tecnico della Lazio è intervenuto in conferenza stampa. Queste le parole ai cronisti presenti.

IL CONFRONTO CON I TIFOSI

“Gli ho detto che avevano completamente ragione, non abbiamo giocato per presunzione. Alla base di queste partite c’è una base di umiltà altrimenti vai incontro a figure del genere come è successo a qualche altra squadra l’anno scorso. Peccato perché ne avevamo parlato anche tanto, anche nel possesso palla si vedeva che eravamo presuntuosi. Era palese”.

PAURA DI TORNARE DEMONI

“Io non ci vedo grandi diversità rispetto alle sconfitte dello scorso anno. Questi crolli emotivi, emozionali improvvisi li vedo come negli anni scorsi. E’ difficile da capire le motivazioni. Se è colpa mia devo fare un passo indietro io, se qualcuno che insinua questo germe nello spogliatoio va cacciato immediatamente. Qualcuno che insinua questo germe c’è”.

UN PASSO INDIETRO

“Questo è uno spogliatoio senza criticità. Questi cali ci sono, che siano nervosi o emozionali. La mia paura è che ci sia un fattore scatenante che non siamo stati capaci di individuare. Questo è un ambiente bello da vivere però poi c’è da giocare le partite”.

LA PARTITA DEGLI AVVERSARI

“Non sono sorpreso del loro livello, penso che stasera non sia valutabile. Ha giocato contro una squadra morta, se devo valutare il livello stasera penso che siano i favoriti alla vittoria dell’Europa League ma penso che incontreranno anche squadre vive”.

GERME E COME RISOLVERLO

“Qualcuno magari trasmette questo indipendentemente dalla sua volontà, che ci sia una trasmissione involontaria. Partita giocata in maniera superficiale. Questa è una squadra che non ti dà mai queste sensazioni che fosse assente, è difficile dirti come si può risolvere. Se lo sapessi lo avrei già risolto. Non è facilmente risolvibile, non è inquadrabile”.

Michela Santoboni

Divento giornalista nel 2017 scrivendo di calcio, soprattutto di Lazio, in un sito che mi ha insegnato molto. La Lazio è la mia passione da sempre, ma soprattutto da quando a 8 anni mio padre mi porta in Curva Nord per la prima volta. Approdo a Noibiancocelesti.com nel luglio 2020, ed insieme ai colleghi affronto trasferte in tutt'Italia e in mezz'Europa. Finisco pure a Riyad, Istanbul, Mosca.

Michela Santoboni ha 1116 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Michela Santoboni