fbpx

Lazio – Napoli, Sarri: “Sul primo gol Kim spinge Luis Alberto. Rigore? Arbitri scarsi”

Alla quinta giornata di campionato arriva il primo ko stagionale per 1-2 contro il Napoli di Spalletti. Una brutta Lazio cade all’Olimpico sotto i colpi di Kim e Kvaratskhelia che guidano la rimonta partenopea dopo l’illusorio vantaggio di Zaccagni. Nel post partita Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di Dazn analizzando la prestazione dei suoi ragazzi e ritornando sul contatto in area di rigore tra Lazzari e Mario Rui. Queste le sue parole:

ANALISI – “Ci siamo abbassati e abbiamo fatto prendere campo al Napoli, quando il Napoli inizia a palleggiare poi diventa dura, loro partivano abbastanza bassi e noi avevamo il baricentro basso quindi siamo andati più in attesa e in densità che non andando a coprire la palla e questo non è il nostro modo di giocare. Il Napoli è una squadra forte, con il Napoli si può perdere in qualsiasi modo però non possiamo fare a meno di parlare degli episodi perché hanno inciso tanto sul risultato finale. Dopo il 2-1 la squadra mi è piaciuta, ha preso coraggio e credo che il divario con le big si è accorciato”.

EPISODI – “Sul gol di Kim c’è il difensore che spinge a due mani Luis Alberto, l’arbitro doveva interrompere la ricorsa e dare il tempo al nostro giocatore di rimettersi in posizione. Io spero che l’arbitro sia veramente scarso, ma devono essere in due perché anche il VAR perché perché per non richiamare l’arbitro a rivedere l’episodio… penso non ci sia bisogno di commenti. Gli episodi hanno inciso in maniera pesante. Anche dal punto di vista della conduzione in una partita e abbastanza corretta l’arbitro ha trovato modo di ammonirci tutti. Ma questa è una storia vecchia, già dalla prima partita col Bologna noi forse abbiamo esagerato con le proteste ma Rocchi deve intervenire in maniera pesante. Non è che c’è una spintina, qui c’è un colpo in faccia. C’è un gomito in pieno faccia, c’è un errore, qui c’è un evidente errore dell’arbitro e il VAR deve intervenire altrimenti non capisco cosa ci sia a fare il VAR”.

ROTAZIONI – “Negli ultimi 20 minuti eravamo più vivi noi degli avversari. Da qui a novembre vedremo, ora iniziamo a giocare ogni 3 giorni e le rotazioni dei giocatori inizieranno, non è possibile far giocare solo 10-11 giocatori per sei settimane con partite ogni tre giorni. Noi in questa prima parte della stagione abbiamo deciso di dare un’entità precisa alla squadra per fare in modo che chi si inseriva dopo aveva più facilità di inserimento”.

ROMAGNOLI – “Romagnoli arrivava da una stagione difficile dove aveva giocato poco e aveva avuto problemi fisici però è un ragazzo di grande disponibilità ed intelligente che capisce subito quello che vuoi da lui. Sarà un giocatore importante per noi per tutta la stagione, ha tutte le caratteristiche del leader della linea difensiva”.