fbpx

Lazio, Patric: “Sarri mi capisce mentalmente. Obiettivo? Arrivare tra le prime quattro ” – VIDEO

Ad Auronzo di Cadore è stato il momento tdi Gabarron Patric che ha risposto alle domande dei cronisti in conferenza stampa.

Quanto sei orgoglioso del rinnovo con la Lazio?

“Come detto, è un vero orgoglio anche perchè ho fatto una bella stagione e sto bene con il gioco di Sarri. Cercherò di fare del mio meglio sia in allenamento che in partita per portare la maglia della Lazio più in alto”.

Quanto è contato Sarri?

“È stato fondamentale per me lo scorso anno. Mi ha dato tanto e fatto tanto per me. Con la società abbiamo ottimi rapporti, ma devi avere stimoli e la voglia di allenarti con la cattiveria giusta. Sarri è stato molto importante perché venivo da un anno in cui non stavo bene tra Covid e problemi vari. Sono contento di fare lo sport più bello del mondo: il calcio”.

Quanto è forte questa nuova Lazio?

“I nuovi arrivi hanno voglia di lavorare e sono molto bravi. Loro vogliono dare il meglio e questo è un piacere da vedere. Sia i nuovi che i vecchi che vogliono portare con orgoglio la maglia della Lazio. Come Milinkovic, Ciro, Luis…”

L’elemento che ti ha fatto crescere da quando sei alla Lazio?

“Cerco sempre di dare il massimo e crescere come giocatore e uomo. Imparare dai più grandi è un piacere, ed è bello aiutare la squadra giocando di più. Se gioco o no, sono sempre felice di aiutare la squadra”.

Senti più fiducia in te da parte dei tifosi? Che giudizio sui nuovi difensori?

“Il calcio è così, ci vedono tante persone e normale che arrivino e critiche. Io cerco ogni giorno di dare il meglio ed è bello vivere un momento felice. Siamo in Europa, speriamo che il prossimo anno sia migliore. Romagnoli ha la pubalgia, ma ha tanta voglia. Sapete quanto rappresenta per lui la Lazio, ne abbiamo parlato anche in vacanza quando ci siamo incontrati. Casale è bravo, mentre Gila l’ho visto giocare, è giovane. Deve abituarsi al campionato italiano, ma è forte.

Cosa ti ha trasmesso Sarri?

“La prima cosa: il tipo di gioco che vuole il mister ero abituato alle categorie inferiori al Barcellona. Spostare la palla, aggredire l’avversario. Certi movimenti li avevo fatti anche da piccolo e lui mi capisce dal punto di vista mentale”.

Come si può migliorare in difesa?

“Da quando abbiamo iniziato a Natale sono stati presi tanti gol. Siamo un blocco, la difesa funziona se lavora l’attacco e centrocampo. Se saltano due linee ci attaccano in tanti e difendono in poche. Siamo in inferiorità, ma la squadra piano piano si sta impegnando. Tutti corrono tanto, speriamo sia un anno ancora migliore”.

È stimolante avere tanti spagnoli in rosa?

“Parliamo italiano, siamo qui in Italia. Anche per i nuovi, così tutti imparano velocemente. Con Gila meglio parlare in italiano. Pedro? Non ho parole, quando ero piccolo lo vedevo tutte le domeniche. L’ho visto crescere, stava al Barcellona B con Guardiola. I gol, la crescita: 35 anni ha umiltà, sembra un bambino”.

Come ti senti fisicamente?

“Ho un problema al ginocchio, una iperestensione. Adesso devo cercare di non prendere antidolorifici e riuscire a stare meglio. Nulla di grave, ma quando faccio un passaggio mi fa male. Ho saltato un giorno, meglio così. Non sono un leader, ci sono 5 giocatori forti dietro. Mi devo guadagnare il mio posto, siamo tutti uguali”.

Obiettivi stagionali?

Senza dubbio la nostra lotta è arrivare tra le prima quattro. Ci sono buone squadre, ma puntiamo in alto. Anche per la società ha fissato l’obiettivo, siamo pronti per quello che è l’obiettivo principale“.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5693 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione

Un pensiero riguardo “Lazio, Patric: “Sarri mi capisce mentalmente. Obiettivo? Arrivare tra le prime quattro ” – VIDEO

I commenti sono chiusi