fbpx

Lazio, Lazzari: “Non siamo stanchi, dobbiamo continuare a lavorare così”

Al termine dell’allenamento mattutino di ieri, ai microfoni di Lazio Style Channel, è intervenuto il difensore biancoceleste Manuel Lazzari. Queste le parole rilasciate.

“L’amichevole di ieri serviva per iniziare nel migliore dei modi e prendere il feeling con il campo. Non siamo stanchi, dobbiamo continuare a lavorare così. Oggi il mister ci ha concesso mezza giornata libera, utile per recuperare le forze. Già da domani ricominceremo con le doppie, il ritiro è stancante ma serve per mettere benzina nelle gambe. Non ho fatto molte vacanze perché ho dovuto fare qualche settimana di terapia al pube, ho iniziato ad allenarmi gradualmente e sono arrivato in ritiro già pronto.

L’anno scorso ero carico per iniziare, quest’anno lo sono ancora di più: ho imparato a fare un ruolo che mi piace da morire, posso fare qualsiasi cosa sia in fase offensiva che difensiva. Su quest’ultima, grazie al livello degli avversari in allenamento, possono crescere ancora. Quest’anno c’è tanto entusiasmo, sono arrivati giocatori nuovi e ne arriveranno altri. L’arrivo di Sarri ha rivoluzionato tutto, è un calcio offensivo che ci piace, dobbiamo continuarlo a seguire per toglierci tante soddisfazioni. Tridente? Non mi ci vedo molto, le mie qualità migliori si esaltano quando parto da dietro. Sono contento di fare il terzino. Sulla destra ho una grande intesa con Milinkovic e Felipe Anderson, quando giochi con calciatori così forti è un piacere, ti fanno migliorare.

Lo scorso anno, anche grazie a loro, segnai alla prima di campionato: se riuscissi a farlo anche quest’anno, sarebbero tre campionati di fila con un mio gol in apertura. La concorrenza è normale per una squadra abituata a giocare su tre competizioni, la concorrenza fa bene. Alla prossima annata chiedo ancora più gol dell’ultima, mentre a livello di squadra lavoriamo per prenderci la Champions League. Ognuno di noi ovviamente vuole migliorare il campionato scorso, conosciamo le potenzialità che abbiamo. A livello personale sto vivendo un grande momento, tra paternità e futuro matrimonio. Sono felice, è importante che un calciatore abbia la serenità fuori dal campo. Contro il Sassuolo ho segnato di sinistro, forse uno dei gol più belli realizzati in carriera”.

Alessio Giordano

Sono un ragazzo romano di 18 anni, innamorato dello sport in generale, ma in particolar modo del calcio, con il sogno nel cassetto di lavorare un giorno come giornalista sportivo. Nonostante la mia giovane età, credo di aver anticipato nettamente i tempi. Attualmente infatti, collaboro per le seguenti testate giornalistiche: NoiBiancocelesti e SportPress24.

Alessio Giordano ha 167 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Alessio Giordano