fbpx

Italia, un anno fa la vittoria all’Europeo: la roulette dei rigori sorride agli azzurri – RIVIVI TUTTO CON I NOSTRI VIDEO ESCLUSIVI

Sono passati 365 giorni dalla vittoria di Wembley dell’Italia ai danni dei padroni di casa dell’Inghilterra. Un annus horribilis per il calcio italiano che però non può cancellare un successo tanto prestigioso quanto meritato nella massima manifestazione per nazionali a livello Europeo.

IL VIAGGIO

L’avventura di Noibiancoclesti inizia proprio nella mattinata del 11 luglio dello scorso anno da Fiumicino insieme ad altri 400 connazionali. Durante il volo l’entusiasmo è alle stelle e si canta l’inno di Mameli anche sull’aereo.

IL CLIMA DENTRO LO STADIO WEMBLEY

In uno stadio con le forze clamorosamente sproporzionate gli 8 mila italiani sugli spalti al cospetto di oltre 80 mila inglesi. Si canta “It’s coming Rome” come risposta a chi si sente già campione. Gli inglesi però non sono particolarmente scaramantici ed intonano “Football it’s coming home”.

LA GARA

Non sono passati nemmeno 2 minuti dall’inizio della partita che l’Inghilterra va vantaggio segnato con Shaw. La gara però è vissuta sul filo dell’equilibrio dove però gli inglesi implodono proprio sul più bello. I cambi tattici di Mancini e una squadra compatta e concentrata come non si è più vista riuscirono a portare al pareggio con Bonucci. Le squadre stanche e timorose di perdere portano la gara prima ai supplementari e poi ai rigori.

L’ESULTANZA DEGLI INGLESI AL GOL DEL VANTAGGIO DI SHAW
IL GOL DEL PAREGGIO DI BONUCCI

LA SERIE DEI RIGORI

L’errore di Belotti porta in vantaggio gli inglesi che però anche stavolta devono fare i conti con i loro limiti. Il palo di Rashford e riequilibra la situazione e mette il peso tutto sulle spalle degli ultimi due tiratori. Bernardeschi segna un rigore non bale mentre Sancho si fa ipnotizzare da Donnarumma. Si arriva con il match point sui piedi di Jorginho che però si fa parare il rigore da Pickford. Saka ha la possibilità di allungare la serie di rigori ad oltranza, ma ancora una volta Donnarumma è decisivo e la sua parata apre le porte del paradiso agli azzurri ed all’Italia intera.

LA SERIE DEI RIGORI VISTA DALLA CURVA DEI TIFOSI ITALIANI
L’ULTIMO RIGORE DI SAKA PARATO DA DONNARUMMA

E’ vittoria, l’Italia ha vinto ed e tutti gli italiani sono in festa.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5637 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione