fbpx

Lazio, Cabral ai saluti: “Ho sempre dato tutto, ma per Sarri ero solo un’opzione”

E’ finita ufficialmente ieri l’avventura di Jovane Cabral alla Lazio. L’attaccante farà ritorno allo Sporting Lisbona e non verrà riscattato dalla Lazio. Poche presenze ed un gol proprio all’ultima giornata contro il Verona non faranno di lui un rimpianto. Ai microfoni di JN il capoverdiano ha ripercorso le tappe della sua avventura a Roma. Il rammarico per non esser stato preso in considerazione di più da parte di Sarri lasciano lo spazio però ad un’esperienza che Cabral definisce positiva.

“Sporting Lisbona? Ho un contratto lì, ci vediamo presto. Qualsiasi cosa voglia fare il club, sono pronto a rispettarla. In testa ho l’obiettivo di essere il giocatore più professionale di tutti. L’importante è crescere ogni stagione. Alla Lazio è stata un’esperienza molto bella, ma non sempre impari giocando poche partite. Per Sarri però ero solo un’opzione ma ho rispettato la sua scelta. Di sicuro non credo che nessuno abbia qualcosa da dire di negativo sul mio comportamento perchè ho sempre dato tutto sia in allenamento che in partita”. 

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5636 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione