fbpx

INDICE DI LIQUIDITA’ – La FIGC presenta ricorso al Tar, Lega Calcio: “alimentare un clima di litigiosità a scapito del dialogo è ritenuto più importante”

La battaglia tra FIGC e Lega Calcio non tende a pacarsi nonostante gli appelli da parte del capo dello sport italiano Giovani Malagò e quello del sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali. Le richieste delle istituzioni di sedersi attorno ad un tavolo e trovare soluzioni che evitino il ricorso alla magistratura ordinaria sono cadute nel vuoto, tanto che la FIGC ha presentato ricorso al Tar nei confronti della decisione del Collegio di Garanzia del Coni sull’indice di liquidità.

La Lega Serie A “è molto stupita per la scelta della FIGC di ricorrere al TAR contro la decisione del massimo organo di giustizia sportiva in merito al sistema di licenze nazionali”. Questo il commento a caldo della vincitrice al momento di questa partita che sembra essere ancora alle battute iniziali. “Evidentemente alimentare un clima di litigiosità a scapito del dialogo è ritenuto più importante” prosegui la Lega che continua precisando come “Una scelta che dimostra totale indifferenza nei confronti dell’invito giunto da Coni e Governo (oltre che dalla stessa Lega Serie A) di sedersi a un tavolo e trovare una soluzione condivisa, ma che altresì contraddice quanto la stessa FIGC aveva fino a ieri sostenuto, ovvero di non appellarsi contro un dispositivo senza attendere la decisione con le relative motivazioni. I presupposti del ricorso della FIGC non si giustificano dal momento che, anche a seguito della decisione del Collegio di Garanzia, non sussistono elementi che mettano in discussione la regolare iscrizione al prossimo campionato di calcio da parte degli aventi diritto. Evidentemente alimentare un clima di litigiosità a scapito del dialogo è ritenuto più importante, per di più in una fase in cui, è sotto gli occhi di tutti, ben altre sarebbero le priorità su cui concentrarsi tutti insieme per garantire un futuro sostenibile al calcio italiano e, in particolare, alle nostre Nazionali”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5637 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione