fbpx

Guerra Lega Calcio – FIGC, udienza di fuoco davanti al Collegio di Garanzia del Coni per l’indice di liquidità

E’ stata una vera e propria udienza di fuoco quella davanti al Collegio Arbitrale del Coni dove si è discusso del ricorso presentato dalla Lega Calcio in merito all’inserimento dell’indice di liquidità come parametro vincolante per l’iscrizione al campionato di Serie A.

LE RAGIONI DELLA LEGA CALCIO – I legali della Lega Calcio hanno espresso perplessità sul provvedimento della e sul relativo procedimento. E’ stata quindi contestata l’illegittimità evidente perchè in fase di decisione ed emissione del provvedimento non è stata ammessa la partecipazione Lega. “Un indice di liquidità concepito come requisito, se pure entrasse in vigore nella stagione avrebbe già tempi stretti, qui siamo nell’irrazionalità totale”, ha detto il professor Romano Vaccarella. Sulla stessa lunghezza d’onda che l’Avv. Giorgio Mattarella che ha affermato in aula “Nessuno contesta che la Figc abbia potere introdurre indice di liquidità né dubitiamo che sia utile, qui l’oggetto della controversia è il modo, sono i tempi. Di questa cosa si è parlato a lungo negli anni scorsi, poi si è deciso per un rinvio per una soluzione condivisa. Ma in seguito è cambiato tutto per una decisione arbitraria e capricciosa della Figc, che senza partecipazione degli interessati ha stabilito un numero”. Infine è stato il turno dell’avvocato Avilio Presutti che ha sottolineato come “L’indice di liquidità così come è stato retroattivamente inserito avrà dei problemi anche per i correttivi: viene scritto che la soluzione sia immettere liquidità, significa creare un sistema alla Psg che privilegia i più ricchi. È questo il provvedimento che vogliamo introdurre? Qui il correttivo dal punto di vista sostanziale è peggio della regola. Il ricco va, il povero si attacca”.

LA DIFESA DELLA FIGC – il primo a prendere la parola è stato l’avvocato Gennaro Terracciano: “Il provvedimento è stato approvato in Consiglio federale con ben tre rappresentanti della Lega e comunque non vediamo alcun interesse personale della Lega né dal punto di vista sostanziale né formale, qui l’interesse alla partecipazione al campionato è individuale dei singoli club. Si sta contestando un metodo di individuazione di criteri che ogni anno viene approvato per la stagione successiva, non c’è una lesione delle prerogative proprie della Lega”. E’ stato poi il turno dell’avvocato Giancarlo Viglione: “Ci contestano di aver violato i principi Uefa: se fosse così vi inviterei ad annullare il provvedimento. La verità è che con sorpresa la Lega di A non conosce il manuale delle licenze Uefa, secondo cui le federazioni possono porre criteri stringenti. Non è stato violato alcun regolamento. Capricciosa la federazione? Ma in cosa? L’indice di liquidità allo 0,5 va letto poi insieme ai correttivi: se non lo hai, puoi iscriverti ma devi ripianare, con sei diverse modalità. E sulla retroattività dico solo che la federazione è tenuta a verificare l’equilibrio economico delle società che partecipano ai campionato e ogni anno i criteri si aggiornano. È stata la Covisoc nel dicembre 2020 a invitare la Figc a ripristinare indice di liquidità ammissivo, che all’epoca era 0,6”.

E’ arrivata, infine, la conclusione del viceprocuratore generale dello Sport, Guido Cipriani, che si è dichiarato favorevole all’ammissibilità e ricevibilità del ricorso della Lega.

In serata è prevista la sentenza che quale sia l’esito provocherà una seria riflessione in capo all’opinione pubblica sulla gestione del calcio in Italia.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5727 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione