fbpx

EDITORIALE – La gaffe di Gianmarco Tamberi, da campione olimpico a campione di ruffianeria

Domani 9 giugno è in programma il Golden Gala di Atletica allo Stadio Olimpico. L’appuntamento più importante dell’atletica italiana che negli ultimi tempi ha riacceso nelle ultime olimpiade la passione degli italiani. Tra le imprese più importanti quella di Gianmarco Tamberi che ha vinto la medaglia d’oro nel salto in alto. Non è passato inosservato ai tifosi della Lazio però l’ultimo post del campione olimpico che per attirare i tifosi “romanisti” e non romani all’appuntamento di domani ha deciso di pubblicare sui suoi account social un post a chiare tinte giallorosse.

“-1 allo show! Domani sera alle 19.45 voglio vedere la curva sud dell’Olimpico esplodere!!! Sento l’adrenalina scorrere nelle vene come succede solo prima delle grandi occasioni… non potete mancare, ho bisogno della vostra energia! Carichi a palla, andiamo e voliamo insieme! ??????❤️ VENI, VIDI, VICI!”

Una caduta di stile degna dei un campione olimpico di ruffianeria oltre che di salto in alto. Non si capisce perchè l’appello debba essere fatto solo nei confronti di coloro che acquisteranno il biglietto in Curva Sud che notoriamente è la sede del tifo giallorosso. La grafica poi è degna di uno spot per gli abbonamenti della AS Roma con un Colosseo stilizzato, bandiere giallorosse che sventolano e Tamberi vestito da gladiatore con una bandiera dell’Italia sul braccio che stona un pò. Chi vi scrive non ha lesinato di criticare apertamente Tamberi in maniera civile sul suo account instagram, ma la figuraccia agli occhi dei tifosi della “Prima squadra della Capitale” è bella che servita. Ciò però non mi farà cambiare idea a prescindere per dare una dimostrazione di senso di appartenenza all’Italia che Tamberi ha portato sul tetto del mondo con le sue gesta sportive. Si può essere un grande atleta pur essendo un uomo debole ai facili successi mediatici. Si può essere tifare Tamberi pur non andando in Curva Sud e pur non amando i colori giallorossi anche se magari Tamberi non apprezzerà il mio sostenimento.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6480 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione