fbpx

Juventus-Lazio, Allegri: “Domani tante assenze”. Poi su Sarri… (VIDEO)

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Lazio. Queste le sue parole.

Come sta la squadra?

“Per quelli che siamo stiamo bene. È l’ultima che giochiamo in casa e dobbiamo onorarla al meglio. Poi è l’ultima di Chiellini e anche l’ultima di Dybala”.

A questa squadra serve qualcuno più vincente e con più personalità?

“Parlare di mercato ora non ha senso. A livello di personalità la squadra è cresciuta molto. La partita con l’Inter in campionato ha frenato la nostra rincorsa anche se magari non avremmo vinto lo stesso. L’altra sera è stata una serata di sport veramente bella con una gara avvincente e una cornice di pubblico straordinaria ma non siamo riusciti a portare a casa la coppa. Soprattutto quando non si riesce a vincere bisogna concentrarsi su quello che si deve fare e stare in silenzio”.

Chi sarà il nuovo capitano della Juve?

“Il nuovo capitano per gerarchie sarà Bonucci”.

Reputa giusto definire fallimentare questa stagione?

“Questo fallimento lo sento da mesi. Quando sei alla Juve hai delle aspettative alte. Sono undici anni consecutivi che la Juve partecipa alla Champions ed è un risultato importante. Il prossimo anno dobbiamo prepararci per vincere lo scudetto ed è un obiettivo chiaro a tutti. Lo era anche quest’anno”.

Che voto da a questa stagione?

“Sono domande banali. Dico 3 così sei a posto? Quando sei alla Juventus l’obiettivo massimo è quello di vincere, ma raggiungere la Champions non è un risultato banale. Non arrivare in Champions per squadre come: Juventus, Inter, Milan, Napoli e Roma vuol dire avere un buco economico”.

Un ricordo che aveva di Pogba? È un profilo che può servire?

“Pogba è un giocatore del Manchester e parleremo di mercato a fine stagione. Dobbiamo valutare a 360 gradi su tutto quello che è successo in questa stagione e non solo di mercato. Un ricordo? Mi sono dimenticato di Pogba perché sono passati tanti anni e ho la memory card piena”.

C’è il rischio dell’ultimo giorno di scuola in queste due partite?

“Lazio e Fiorentina sono squadre in corsa per l’Europa League. Tra l’altro domani arriva Sarri che è l’allenatore dell’ultimo scudetto della Juve, sarà accolto in maniera giusta perché se lo merita. Dobbiamo onorare al meglio queste due partite, abbiamo alcune defezioni. Domani non ci saranno alcuni giocatori: Danilo ha finito la stagione per questa fascite plantare, Arthur con la caviglia è dolorante e quindi avrà finito anche lui. Rientra De Sciglio. Zakaria ha preso, durante la partitella, un colpo sulla coscia ribattendo un tiro e dobbiamo valutare ma domani non ci sarà. McKennie vediamo se mercoledì può essere a disposizione ma per quello che potrà essere, abbiamo visto anche Locatelli che era fermo da un mese. Ci sarà qualche ragazzo giovane, domani giocherà di nuovo Miretti”.

Da dove si riparte dopo questa stagione?

“Sono soddisfatto per il percorso di crescita che ha avuto la squadra e per l’obiettivo raggiunto. Non sono soddisfatto perché non abbiamo vinto nessun trofeo. Non ero abituato a non vincere ed è stata una cosa strana e nuova. Dobbiamo portarci dietro la sconfitta di mercoledì perché è una cosa che io difficilmente dimenticherò e dobbiamo portarcela dietro”.

Michela Santoboni

Divento giornalista nel 2017 scrivendo di calcio, soprattutto di Lazio, in un sito che mi ha insegnato molto. La Lazio è la mia passione da sempre, ma soprattutto da quando a 8 anni mio padre mi porta in Curva Nord per la prima volta. Approdo a Noibiancocelesti.com nel luglio 2020, ed insieme ai colleghi affronto trasferte in tutt'Italia e in mezz'Europa. Finisco pure a Riyad, Istanbul, Mosca.

Michela Santoboni ha 830 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Michela Santoboni