fbpx

Coppa Italia: vince l’Inter ai supplementari, la Juventus recrimina

L’Inter si aggiudica la Coppa Italia al termine di una gara tanto spettacolare quanto combattuta in cui non sono mancate le polemiche che è terminata sul punteggio di 4-2. Dopo il 2-2 dei tempi regolamentari ci sono voluti i tempi supplementari ai neroazzurri per avere la meglio sulla “Vecchia Signora” che recrimina per il calcio di rigore concesso ai ragazzi di Inzaghi all’80’ minuto che ha portato la gara all’extra time.

La gara si sbloccava dopo solo 6′ minuti con il gol di Barella che da fuori area di destro batteva la porta difesa da Perin. La Juventus provava a reagire, ma il primo tempo scivolava via senza grandissime emozioni. Ad inizio ripresa il ribaltone bianconero in due minuti. Al 50′ arrivava il pareggio di Alex Sandro su cui però c’è la complicità di Handanovic che si lasciava sfuggire un tiro non irresistibile. Il gol galvanizza gli uomini di Allegri che si portavano in vantaggio con un’azione magistrale di contropiede finalizzata da Vlahovic. L’Inter accusa il colpo e stenta a reagire, mentre la Juventus cambia asseto e passa a una difesa a cinque inserendo Bonucci per Bernardeschi.

Al minuto 80 l’azione che cambia l’inerzia della gara, su un cross dalla destra Perisic trova di testa Lautaro Martinez che cade a terra sull’intervento in combinata di De Ligt e Bonucci. Il direttore di gara Valeri non ha dubbi e fischia il calcio di rigore, che però dalla immagini lascia qualche dubbio anche se il VAR non può nulla visto che l’entità del contatto viene valutato dall’arbitro in campo. La rete di dal dischetto di Calhanoglu porta la gara ai supplementari con l’inerzia nuovamente cambiata.

Nell’extra time al 99′ minuto un intervento di De Ligt sul connazionale De Vrij non sanzionato in campo merita il richiamo del Var Di Paolo. Le immagini in questo caso sono molto chiare ed evidenziano l’intervento fuori tempo del difensore della Juventus. Valeri assegna il secondo calcio di rigore per l’Inter che viene realizzato da Perisic. La Juventus si disunisce e su azione di contropiede al 102′ minuto subisce il quarto gol ancora da Perisic con un sinistro da fuori area. Si scaldano gli animi in panchina ed Allegri viene espulso dopo un alterco con Lautaro Martinez reo di aver esultato in maniera troppo vibrante a detta del tecnico bianconero. Finisce con il successo della squadra di Simone Inzaghi che dopo la Superocoppa Italiana batte ancora la Juventus nella seconda finale di questa stagione.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 4956 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione