fbpx

La Roma chiede l’anticipo dell’ultima giornata: la Lega tace, la Lazio si prepara a far valere i suoi diritti

La Roma ha chiesto ufficialmente alla Lega Calcio di anticipare a venerdì prossimo la trasferta di Torino contro i granata valevole per l’ultima giornata di campionato. Al momento la Lega rimane molto cauta e prende tempo e con tuta probabilità deciderà soltanto al termine dell’ultima giornata di campionato. Al momento le squadre che si contenderanno un posto con i giallorossi sono Fiorentina, Atalanta e Lazio. Di certo le prime due saranno in lotta anche l’ultima giornata a meno che la Roma non vinca contro il Venezia e ci sia la contemporanea sconfitta dei viola a Genova contro la Sampdoria e degli orobici a Milano contro il Milan. La Lazio, invece, sarebbe interessata qualora sempre e comunque qualora la Roma vincesse la sua gara contro il Venezia. Solo nel caso in cui i biancocelesti aumentassero il vantaggio a 4 lunghezze dai giallorossi non sarebbero coinvolti nella lotta per contendersi una posizione.

Chiaro che la prevedibile vittoria della Roma contro il quasi retrocesso Venezia mette a serio rischio che l’ultima gara possa valere un piazzamento in Europa ovvero anche una posizione in campionato per i biancocelesti. La Lazio al momento non si è ancora esposta mancando ancora una giornata da disputarsi, ma è prevedibile che si opporrà fortemente a giocare la sua gara il venerdì. La ragione non è uno sgarbo da fare ai rivali cittadini, ma una semplice ragione di opportunità derivante dal calendario. I biancocelesti, infatti, giocheranno lunedì prossimo a Torino contro la Juventus, mentre il Verona, avversario dell’ultima giornata giocherà sabato in casa contro il Torino. Più di 48 ore di differenza che impongono alla Lazio di dover avere del tempo in più per prepararsi al meglio all’ultima sfida di campionato. Giocare di venerdì sera vorrebbe dire preparare la partita decisiva della stagione in soli due giorni. Contemporaneamente il Verona avrebbe ben due giorni di vantaggio su un tempo assai ridotto. Al tempo stesso è ovvio che sarà problema della Lega Calcio gestire le esigenze di contemporaneità delle gare nell’ultima giornata soprattutto nel caso in cui valessero un piazzamento in una competizione europea.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6020 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione