fbpx

Lazio – Sampdoria, la conferenza stampa di Giampaolo: “Nella Lazio c’è una matrice forte del pensiero Sarriano…” – VIDEO

A Bogliasco nel quartier generale della Sampdoria è andata in scena la consueta conferenza stampa del tecnico blucerchiata Marco Giampaolo in vista della trasferta di domani contro la Lazio. L’allenatore doriano reduce dalla vittoria nel derby che ha rasserenato gli animi e resa la salvezza più vicina ha però voluto alzare la guarda in vista della sfida dell’Olimpico.

“Il nostro campionato non si conclude con la vittoria nel derby. Anzi, è stato un tassello, un passaggio ma dobbiamo conquistare punti per ottenere la salvezza. Il primo discorso che ho fatto ai calciatori quando ci siamo ritrovati ha avuto un solo obiettivo che è quello di continuare a lavorare seriamente, a testa bassa per raggiungere il nostro obiettivo perchè quella vittoria, seppur importante, sarebbe soltanto uno step fra i tanti ancora da fare”.

LA LOTTA SALVEZZA

“Dobbiamo pensare a giocare le nostre di partite, che già sono difficili e impegnative. Non possiamo giocare le partite degli altri, dobbiamo pensare al nostro percorso da qui alla fine del campionato e calcoli non se ne possono fare perchè il pallone rotola e non sai mai dove va a finire”.

LA SFIDA CONTRO LA LAZIO

“La Lazio è una squadra forte, lo sappiamo, allenata da un grande allenatore che ritengo ancora uno dei migliori del panorama calcistico italiano. E’ una squadra che ha cambiato in sette, otto, nove mesi una filosofia di gioco, che ha un pensiero diverso rispetto a quello che aveva prima e si vede. Quando vedi giocare la Lazio c’è una matrice forte di quello che è il pensiero Sarriano, che io conosco bene. So che la partita sarà difficile, so che incontreremo una squadra forte ma so anche che abbiamo bisogno di fare una prestazione eccellente, straordinaria sotto ogni punto di vista per portare a casa punti”.

SITUAZIONE INFORTUNATI

“La cosa che mi infastidisce da sempre è quando perdo calciatori, quando non li posso allenare, quando sono fuori perchè a me è sempre piaciuto allenarli tutti ed è sempre piaciuto scegliere la migliore formazione ogni volta e per ogni partita rispetto a quello che producono in settimana. Per quanto riguarda gli infortunati ce ne sono diversi ma non ho mai pianto per questo e non lo farò certo adesso”.

ARBITRAGGI E VAR

“I margini di errore, quando il cerchio si stringe, sono ridotti per tutti: calciatori, allenatori, arbitri. E’ chiaro che la posta in palio quando si alza, ogni piccolo errore viene amplificato rispetto a quello che può essere l’errore stesso ma noi non dobbiamo pensare a tutte queste cose tranne alla partita da giocare. Dobbiamo concentrarci su un’unica cosa, avere un solo pensiero. Perchè poi di problematiche da risolvere ce ne sono centomila ma non dobbiamo farci distrarre dalle centomila. Ci sarà chi si preoccuperà di altro, noi dobbiamo solo essere concentrati sulla nostra partita e sul nostro obiettivo”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6019 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione