fbpx

Lazio-Milan, Patric: “Abbiamo giocato col cuore, perdere così fa male. Difficile passare da Inzaghi a questo”

Al termine del match è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, Patric“Perdere così ci fa tanto male, sapevamo questa settimana che preparare questa partita non sarebbe stato facile. I compagni avevano la febbre e alcuni di noi hanno avuto dei piccoli problemi legati a infortuni. Tra ieri e oggi ci siamo ricaricati e penso che abbiamo fatto una prima mezz’ora molto bene. Anche il primo tempo nel totale è stato buono ed è normale soffrire ed abbassarsi con una squadra del genere. Il secondo tempo è stato meno lucido però non è facile tenere botta. Peccato perdere punti, la squadra nei momenti di difficoltà ha saputo soffrire, oggi è stata una Lazio di cuore. Questa notte ci penseremo molto ma dobbiamo pensare subito alla prossima”.

FUTURO – “È stato un peccato subire l’ultima giocata dopo gli sforzi che abbiamo fatto. Se arrivi all’1-1 è perché abbiamo fatto una buona partita, peccato per come abbiamo perso, purtroppo il calcio è questo e ci rifletteremo e parleremo con il mister. Oggi era importante e perdere così ci fa male, dobbiamo subito alzare la testa perché ci giochiamo tanto in queste utime 4 partite. Penso che sia chiaro se si analizza bene la stagione i primi 5 mesi  abbiamo avuto delle difficoltà per il nuovo gioco, ma da Natale la squadra è cresciuta e ha messo in campo un bel calcio. Oltre a dei momenti di difficoltà abbiamo fatto passi in avanti. Dobbiamo ancora imparare ma credo che la squadra avesse bisogno di questo. Non è facile fare il gioco di Inzaghi per poi passare a questo”.

INFORTUNIO – “Ho avuto un problema con una cicatrice vecchia. Per la partita mi hanno detto che il muscolo stava bene e sono riuscito a recuperare, provavo un po’ dolore ma era normale. Mi è stato detto che potevo comunque andare in campo, i dottori sono stati bravi e adesso sto bene ma ero un po’ affaticato perché non mi sono allenato molto”.

PROBLEMI  – “Tre anni fa prima del Covid mi sentivo molto bene poi l’ho contratto e ho sofferto molto, ero da solo e ho avuto dei problemi d’ansia. L’anno scorso ho avuto delle difficoltà e nessuno lo sapeva, sono cose personali, ho sofferto tutto l’anno, quest’anno sono riuscito ad essere me stesso, più maturo, oggi mi sento un altro giocatore”.

Michela Santoboni

Divento giornalista nel 2017 scrivendo di calcio, soprattutto di Lazio, in un sito che mi ha insegnato molto. La Lazio è la mia passione da sempre, ma soprattutto da quando a 8 anni mio padre mi porta in Curva Nord per la prima volta. Approdo a Noibiancocelesti.com nel luglio 2020, ed insieme ai colleghi affronto trasferte in tutt'Italia e in mezz'Europa. Finisco pure a Riyad, Istanbul, Mosca.

Michela Santoboni ha 978 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Michela Santoboni