fbpx

Scudetto 1915, l’avv. Mignogna: “Figc troppo silente, così si alimentano i sospetti di complotto…”

L’avvocato Gian Luca Mignogna – promotore della rivendicazione per l’assegnazione dello Scudetto 1914-1915nel sito Laziostory.it ha pubblicato il suo intervento a Radio Incontro Olympia dove ha voluto fare il punto sulla situazione di stallo che ormai da mesi contraddistingue la vicenda, con la Commissione Storica istituita dalla FIGC che vede il suo lavoro congelato e senza riscontri:

Sulla questione Scudetto dal punto di vista della FIGC, ahimè, non c’è nessuna novità. Purtroppo continuano a passare i mesi e non si intravede alcuna volontà di arrivare a definizione di questo procedimento che ormai comincia ad essere abbastanza datato. Lo dico con amarezza perché quando abbiamo cominciato avevamo determinati documenti in mano e già allora pensavamo fossero sufficienti per arrivare ad ottenere l’ex aequo. Infatti di lì a poco la Commissione nominata dal presidente Tavecchio stabilì che il principio dell’assegnazione a pari merito del titolo a Genoa e Lazio era corretta. Da allora qualcosa si è inceppato ma abbiamo trovato ancor più documenti che hanno chiarito in maniera rigorosa e scientifica questa vicenda.

Il presidente Gravina, quando istituì la seconda Commissione della FIGC utilizzò proprio questi termini, criteri rigorosi e scientifici per stabilire la verità e il quadro che abbiamo ricostruito segue proprio questi due principi. La verità sulla vicenda ormai ha sciolto ogni dubbio, quel che doveva essere appurato è stato appurato: la FIGC nonostante questo continua ad essere silente e tutto questo non fa che alimentare ipotesi di complotto e di gestione poco trasparente della vicenda. I commenti sui social e le tante e-mail e messaggi Whatsapp che mi arrivano dimostrano che questa rivendicazione non sta venendo trattata con la giusta serietà ed equità: per smentire queste voci sarebbe ora per la Federazione di uscire allo scoperto, gettare il cuore oltre l’ostacolo e sancire il merito della Lazio e il diritto su quello Scudetto. Dico questo con amarezza perché ormai sono state anche tante le richieste di audizione in FIGC, richieste alle quali non è mai seguita alcuna risposta.

Il calcio è un gioco ma è comunque regolato dal diritto sportivo e dove questo non interviene esistono le norme generali. La stessa Carta Olimpica stabilisce come un titolo vada assegnato ex aequo quando non si può assegnare con certezza a un singolo. La poca trasparenza della FIGC non fa che alimentare i dubbi della gente, al presidente Gravina e alla Federazione spetta il compito di riportare luce sui campionati come quelli analizzati dalla Commissione. Il Guerin Sportivo ha ipotizzato che ci potrebbe essere qualche segreto di Stato che impedisce di procedere alla revisione dei campionato all’ex aequo: io non credo sia così ma in ogni caso basterebbe dirlo. Se non ci fosse trasparenza e chiarezza su una vicenda come questa, lasciando zone d’ombra su pagine passate del calcio italiano, sarebbe un segnale inquietante per tutto il movimento.”

Se qualcuno pensa che questo procedimento possa finire gettandolo nel dimenticatoio si sbaglia di grosso. Siamo pronti a organizzare iniziative civilissime e pacifiche ma importanti a Via Allegri, chi ha la capacità di decidere deve farlo. Ci sono molte questioni in ballo, gli Scudetti in bacheca per una piccola quota incidono sul riparto dei diritti televisivi e forse potrebbe essere anche questo il problema.

 

Per dare forza alla rivendicazione è online la petizione pubblica, alla quale hanno aderito quasi 40.000 persone, che vi invitiamo a sottoscrivere seguendo il link: Lazio 1914/15 Campione d’Italia ex aequo!

L’avvocato Gian Luca Mignogna

Giovanni Lando Fioroni

Laziale dalla nascita e dal 2011 dirigente della S.S. Lazio Motociclismo e Responsabile nazionale di E.S.S.E. MOTORI; narratore delle molteplici attività della Società Sportiva Lazio "la Polisportiva più grande ed antica d'Europa"... una vita in Biancoceleste!

Giovanni Lando Fioroni ha 422 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Giovanni Lando Fioroni