fbpx

Due Daspo e un trancio di salmone sugli spalti: storie di ordinaria follia in Curva Sud (FOTO & VIDEO)

Storie di ordinaria follia del calcio italiano. Non si arrestano le polemiche dopo la gara dell’Olimpico vinta dalla Roma per 4-0 contro il Bodo Glimt. Un salmone sugli spalti, bottiglie e sassi lanciati contro i norvegesi anche sul finale e due Daspo. Due i giovani colpiti dalla misura: un 29enne denunciato perché ripreso dalle telecamere di videosorveglianza dello Stadio Olimpico mentre accendeva un artificio pirotecnico che poi gettava a terra (durata della misura due anni) e un 20enne anche arrestato in quanto gravemente indiziato di furto. Quest’ultimo ragazzo infatti, sorpreso da un poliziotto della Squadra Cinofili della Questura di Roma mentre frugava dentro alcuni zaini lasciati in un’area non accessibile ai non addetti ai lavori, è scappato via correndo. L’agente, chiamati i rinforzi, ha immediatamente rintracciato il fuggitivo che addosso aveva ancora la refurtiva, riconosciuta da uno steward come di sua proprietà. Il provvedimento del Daspo, della durata di tre anni, è stato adottato nei suoi confronti in quanto, per poter assistere all’incontro di calcio, si era introdotto nello stadio scavalcando la recinzione perimetrale. L’inosservanza a questo provvedimento è punita con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da 10mila euro a 40mila euro e, nei confronti di chi contravviene al divieto, è consentito l’arresto nei casi di flagranza.

Il salmone nel settore ospiti

Una fotografia in particolare ha fatto il giro del web: un bel trancio di salmone lanciato sui seggiolini dello stadio. “E’ stato bello essere allo Stadio Olimpico con 72.000 spettatori. E Roma è un vero scrigno di tesori di una città. Ma i tifosi della Roma, ecco sono pazzi. Chi nello stadio porta con sé il salmone da lanciare agli avversari?” si è chiesto divertito un tifoso norvegese che ha postato tutto sui social.

Dal salmone ai sassi

Non solo però gesti goliardici, ma anche il lncio di bottiglie e sassi verso il settore ospiti, con alcuni tifosi rimasti lievemente feriti. Ecco il racconto di alcuni supporters norvegesi del Bodø/Glimt, che hanno condiviso sui social network quanto accaduto il 14 aprile sera allo Stadio Olimpico, denunciando un trattamento poco ospitale da parte dei tifosi della vicina Curva Nord.

Hanno lanciato quello che avevano. Anche sul 4-0 e a fine partita. C’erano molte famiglie con bambini lì. Almeno due persone hanno avuto una bottiglia in testa e hanno iniziato a sanguinare. Come tifoso di calcio e del Bodø/Glimt dico che è stata un’esperienza terribile”.

Michela Santoboni

Classe ‘90, nasco in Sabina ma oggi vivo al mare. Divento giornalista nel 2017 collaborando con un sito a cui devo molto, Lazionews.eu. Dopo tante trasferte, anche all'estero (ultima quella di Riad, a dicembre 2019), approdo a Noibiancocelesti.com nel luglio 2020.

Michela Santoboni ha 770 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Michela Santoboni