fbpx

Vergogna Azzurra, le immagini dei rifiuti dentro lo spogliatoio dopo Italia – Macedonia fa il giro del mondo – VIDEO

Stanno facendo il giro del mondo le immagini dello spogliatoio dell’Italia del Renzo Barbera dopo la partita contro la Macedonia del Nord che ha sancito l’eliminazione dal mondiale di Qatar 2022. Avanzi di cibo e cartacce lasciate a terra, mozziconi di sigarette nei lavandini, bottigliette di plastica ovunque. Insomma un vero è proprio disastro fatto di rifiuti di ogni genere lasciati ovunque che testimoniano la mancanza di rispetto di coloro che sono stati all’interno di quello spogliatoio. Il video girato da un addetto alle pulizie dello Stadio Renzo Barbera è stato pubblicato questa mattina ed in poco tempo sta diventando virale. Una figuraccia vera e proprio che mette in cattiva luce oltre che le doti calcistiche anche l’educazione del gruppo azzurro. Com’è possibile che non ci sia stato nessuno in grado di pretendere che gli spogliatoi venissero lasciate in condizioni dignitose, con i rifiuti dentro i secchi. Le presenza di cicche di sigaretta dimostrano anche il mancato rispetto del divieto di fumare nei luoghi chiusi.

Una vera e propria Caporetto mediatica che mette in cattiva luce stavolta gli uomini di Roberto Mancini e l’organizzazione di Gabriele Gravina che dopo alcune ore dalla divulgazione del video non è ancora uscito allo scoperto con delle scuse ufficiali. Forse il Presidente Federale è più impegnato a conservare la sua poltrona in FIGC messa a serio rischio dal fallimento sportivo. Questo però viene in secondo piano rispetto al fallimento personale di questo gruppo di incivili che ha pensato che il lavoro di un addetto delle pulizie avesse sottaciuto la loro mancanza di educazione.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5015 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione