fbpx

NoiFantacalcisti-Consigli per la 30a giornata

Prende il via una nuova giornata, la trentesima del campionato di Serie A! C’era grande attesa per il via di un’altra stagione, dopo lo scudetto assegnato nella scorsa annata all’Inter. Ora, però, dobbiamo pensare a un altro turno tutto da vivere. Dieci gare tutte da seguire, ma anche tanti consigli da fornire al fantacalcio. Andiamo allora a scoprire i giocatori suggeriti per questo turno di Serie A e i nostri consigli al fantacalcio della 30^ giornata, per trovare qualche idea utile per il classico bonus. Se avete altre incertezze, consultate tutti i consigliati e le probabili formazioni di giornata.

PORTIERI:

Il portiere consigliato per questa giornata è Musso contro il Bologna: i rossoblù al Dall’Ara vorranno ritrovare il goal che manca da due gare, ma l’argentino della Dea può esaltarsi. Tra i consigliati, ovviamente, troviamo anche Maignan contro il Cagliari: l’estremo difensore rossonero, in realtà, non si consiglia neanche. Si schiera e basta. Anche Consigli va bene come profilo in Sassuolo-Spezia, mentre nel Torino continuerà a giocare Berisha, autore di un’ottima prova contro l’Inter: attenzione, però, al Genoa di Blessin che, nonostante la serie lunghissima di pareggi, si rende sempre molto pericoloso. In Inter-Fiorentina Handanovic e Terracciano a rischio goal subito, in Venezia-Sampdoria, sfida salvezza, Maenpaa e Falcone dovranno esaltarsi. Non schierateli. Buono, se non avete Top, Vicario in Empoli-Verona. Nel Derby di Roma preferiamo Rui Patricio a Strakosha.

DIFENSORI:

Matthijs de Ligt rimane un must al fantacalcio, contro la Salernitana è d’obbligo. Nel Milan il riferimento rimane sempre Fikayo Tomori, che è imprescindibile al fantacalcio. Da mettere a Cagliari. Giovanni Di Lorenzo merita ancora fiducia, dopo che all’ultima giornata ha portato a casa un 7 più assist. Wilfried Singo è una scelta approvata per questo turno, ha già segnato a Marassi contro la Sampdoria. Georgios Kyriakopoulos può essere una soluzione low cost in questa giornata di campionato, contro lo Spezia. Danilo D’Ambrosio da jolly contro la Fiorentina, se gioca è uno che può portare bonus. E alla Fiorentina aveva già segnato l’anno scorso.

CENTROCAMPISTI:

Sapete chi ci stuzzica in questa giornata? Barak in Empoli-Verona: è la sua stagione, come più volte ripetuto. Uno dei nostri preferiti. Giornata da Malinovskyi: l’ucraino può dire la sua in modo importante in Bologna-Atalanta. L’altro profilo è quello, chiacchierato, di Kessié contro il Cagliari: potrebbe dire la sua. Frattesi è in astinenza da goal dallo scorso dicembre, dopo una prima parte di campionato prolifica: contro lo Spezia, perché no, potrebbe sbloccarsi. Sensi contro il Venezia può seminare il panico, ma occhio a un Aramu che prima o poi dovrà tornare in sè e dimostrare il suo valore. In Inter-Fiorentina sono tanti i profili che possono esaltarsi: puntiamo su Barella, escludete Vecino. O meglio, non vi fidate ancora. Fabian Ruiz contro l’Udinese si schiera, anche a partita in corso. Nel Derby di Roma, invece, Sergio Oliveira e Milinkovic-Savic vanno messi: mancherà Zaccagni, squalificato, ricordatelo.

ATTACCANTI:

La stagione di Berardi è da premio Oscar (citazione necessaria visto che la cerimonia è alle porte). L’attaccante neroverde sta riscrivendo i suoi record personali e quelli di squadra con una serie di numeri pazzeschi. 12 gol e 10 assist fanno già scalpore, con una fantamedia di 8,35 che in assoluto è una delle migliori del campionato. Leao è chiamato all’ennesima conferma di essere uno dei protagonisti di questa appassionante corsa scudetto. Ormai la fascia sinistra dell’attacco milanista è il suo habitat naturale, da cui ha trovato 8 reti e 4 assist. Ha anche collezionato 72 dribbling e 137 duelli vinti, che nell’uno contro uno lo rendono una certezza. È senza dubbio questo l’anno della sua rinascita sul campo. Simeone Quindici gol sono un bottino molto importante per il Cholito, che in gialloblu ha ritrovato la sua reale dimensione. Domenica a Empoli questo bottino potrebbe essere rimpinguato, anche perchè i toscani ultimamente concedono qualche gol di troppo. Si a Morata, lo spagnolo sembra essersi ritrovato da quanto Allegri gli ha cambiato la posizione in campo. Giocando un po’ più largo ha lo spazio per inventare e per poi inserirsi grazie al lavoro dei compagni. Sul piano statistico è un altro giocatore: tre gol e un assist nelle ultime tre partite, con la Salernitana il bottino potrebbe crescere.

A CURA DI FILIPPO MEDICI E DANIELE TELESCA