fbpx

Lazio: da Dr Jekyll a Mr Hyde, senza Europa sognare è lecito

Ce lo aveva preannunciato mesi fa Maurizio Sarri che ci sarebbe stata una Lazio con le Coppe ed una senza Coppe. L’impegno europeo e la Coppa Italia hanno di certo il loro fascino, ma nel progetto di ricostruzione di Sarri sono state un ostacolo perchè il gruppo aveva bisogno di stare più sul campo ad allenarsi che in volo per gli spostamenti. Nel 2022 però tutto sembra essere cambiato e Sarri sta sfruttando la possibilità di poter preparare una partita a settimana. Nel post partita di Lazio-Venezia il tecnico toscano aveva dichiarato “I numeri ci dicono che per raggiungere la top 4 del campionato ci manca relativamente poco, è chiaro che invece la classifica riflette l’andamento di tutta la stagione e noi abbiamo avuto degli alti e bassi che abbiamo pagato in maniera pesante”.

È una Lazio degna del racconto di Robert Louis Stevenson nel suo Dr Jekyll e Mr Hyde.

GARE DOPO L’IMPEGNO EUROPEO

Quando i biancocelesti erano impegnati nel tour de force extra campionato, considerando le 8 partite di campionato giocate dopo gli impegni europei, il loro rendimento era una media di 0.62 punti a partita con una sola vittoria, due pareggi e cinque sconfitte. In queste otto partite la Lazio aveva realizzato solamente 9 gol e ne aveva subiti ben 18, di cui 11 complessivi nelle sciagurate trasferte di Verona, Bologna e Napoli. L’unica vittoria in campionato dopo l’impegno europeo era avvenuta in casa con la Salernitana, fanalino di coda, e corrisponde anche con l’unico clean sheet ottenuto in queste partite. La differenza reti è di -9.

GARE CON UNA SETTIMANA DI ALLENAMENTI A DISPOSIZIONE

Invece, prendendo in esame il periodo in cui la squadra ha avuto la settimana completa per preparare la gara, il rendimento è diametralmente opposto e da sicura zona Champions: media di 2,23 punti a partita con nove vittorie, due pareggi e due sconfitte (con Milan e Juve). In queste 13 partite la Lazio ha realizzato 35 goal (2,69 a partita) e ne ha subiti 16 (1,23 a partita) con una differenza reti di +19. 

Numeri importanti se consideriamo, inoltre, le ultime 20 partite di campionato la Lazio sarebbe quarta con il Napoli a quota 35 punti. Prendendo in esame invece solo le ultime 8 giornate, in questa parte di campionato i biancocelesti hanno realizzato 15 gol, vantano la migliore difesa con soli 3 gol incassati e ben 6 clean sheet, differenza reti (+12) e sono solo dietro alla Juve per punti conquistati (17 a 18). Da qui alla fine della stagione non sono previsti turni infrasettimanali e stando alle statistiche Sarri si potrebbe pensare anche in grande. Sognare dunque è lecito.