fbpx

Calciomercato Lazio: in estate sarà rivoluzione, come cambierà la rosa di Sarri

Il piazzamento finale della Lazio in questa stagione determinerà le strategie del calciomercato estivo che però in parte sono state già concordate tra la società e Maurzio Sarri.

DIEFSA

Gli interventi più importanti si faranno nel reparto difensivo dove Luiz Felipe, Patric ed anche Acerbi potrebbe lasciare tutti e tre la Capitale. I primi due sono in scadenza, mentre il centrale della Nazionale in rotta con la tifoseria potrebbe voler cambiare aria. In pole position al momento i nomi sono quelli di Alessio Romagnoli del Milan (svincolato), Nicolò Casale del Verona. Nomi sui quali il DS Tare sta lavorando da tempo e sui quali ci sono buone possibilità di riuscita. Per quanto riguarda Romagnoli molto dipenderà dalla volontà del calciatore visto che il Milan a quanto sembra non gli proporrà un rinnovo alle cifre richieste. Su Casale c’è un discorso ben avviato con il presidente del Verona Setti sulla base di 10-12 milioni. C’è anche da dirimere la questione portiere con Strakosha che è in scadenza che al momento ha rifiutato le proposte di rinnovo della società ed in queste ore è attirato dalle offerte che sta ricevendo dalla Premier League e dalla Bundesliga. In caso di addio dal portiere Albanese i nomi che si fanno sono molti e di diverso calibro. Si passa da Kepa del Chelsea che ha già lavorato con Sarri, a Sergio Rico in uscita dal Siviglia, fino a passare ai nostrani Silvestri, Gollini e Carnesecchi.

La Lazio, inoltre, su espressa richiesta di Sarri deve portare a Roma un terzino sinistro. In cima alla lista fatta da Sarri c’è Emerson Palmieri che ha già giocato con Sarri al Chelsea. A scalare c’è l’esterno sinistro dell’Empoli Parisi ed il paraguaiano Robert Rojas del River Plate.

CENTROCAMPO

A centrocampo appare ormai scontato l’addio a Lucas Leiva a cui scadrà il contratto a giugno e che con tutta probabilità farà ritorno in Brasile per l’ultima parte della sua carriera. Per sostituirlo Sarri ha fatto i nomi di Maxime Lopez del Sassuolo e Vitinha del Porto recentemente affrontato in Europa League. Come alternativa in mezzo al campo piace anche Vecino in scadenza di contratto con l’Inter che Sarri ha avuto ad inizio carriera ad Empoli. Molto poi dipenderà dalla permanenza o meno di Luis Alberto e soprattutto Milinkovic. Lotito ha fissato già il prezzo per il Sergente che si aggira attorno ai 100 milioni anche se sembra una mossa per alzare il più possibile l’asticella e riuscire a portare a casa una somma superiore ai 70 milioni.

ATTACCO

Al momento il reparto che sembra essere meno in discussione è l’attacco dove Immobile, Pedro, Felipe Aderson e Zaccagni sono sicuri di rimanere. Cabral con tutta probabilità non verrà riscattato, mentre su Luka Romero e Raul Moro si ragionerà di opportunità per dargli maggiori opportunità di crescita. L’unico tassello da riempiere è quello del vice Immobile. Al momento il rendimento di Muriqi al Maiorca lascia ben sperare per un suo riscatto a fine stagione. In quel caso la Lazio potrebbe muoversi per cercare di acquistare un attaccante funzionale al gioco di Sarri. Pinamonti e Burkardt sembrano i nomi più graditi a Sarri anche se in quel ruolo potrebbe spuntare anche una novità in base alle occasioni che il mercato proporrà.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6534 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione