fbpx

Giudice Sportivo: Mano leggera con Mourinho e Gasperini, mentre Sarri…

Il Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea come ogni martedì ha reso note le decisioni riguardanti la giornata di campionato appena terminata. Graziati i tecnici della Roma Josè Mourinho e quello dell’Atalanta Giampiero Gasperini che sono stati squalificati rispettivamente per due ed una giornata.

Nelle motivazioni del provvedimento del Giudice Sportivo si legge che il tecnico giallorosso Mourinho è stato squalificato“per avere, al 45′ del secondo tempo, rivolgendosi al Quarto Ufficiale, indirizzato gravi insinuazioni al Direttore di gara, nonché per esser entrato, all’atto del provvedimento di espulsione, sul terreno di giuoco con fare minaccioso contestando platealmente la decisione arbitrale. Infine, al termine della gara, nel tunnel che adduce agli spogliatoi, per aver reiterato le suddette insinuazioni nei confronti del Direttore di gara mentre cercava di trattenere il proprio Direttore sportivo; recidivo”. Oltre alle due giornate di squalifica lo Special One è stato sanzionato con un’ammenda da 20 mila euro. Il Giudice sportivo ha, inoltre, squalificato fino all’8 marzo il DS della Roma Thiago Pinto, mentre due turni sono stati inflitti anche al preparatore dei portieri Nuno Santos.

Al tempo steso, invece, il tecnico orobico Gasperini è stato sanzionato “per avere, al 19′ del secondo tempo, contestato platealmente una decisione arbitrale indirizzando agli Ufficiali di gara un’espressione irrispettosa; infrazione rilevata da un Assistente; recidivo”.

Occorre ricordare come entrambi gli allenatori non siano nuovi a queste reazioni di escandescenza contro gli arbitri ed in questa stagione sono stati già espulsi per medesimi comportamenti. Una valutazione che però il Giudice Sportivo non ha fatto sua a pieno vista l’esiguità della pena. Ricordiamo come Maurizio Sarri all’indomani della sconfitta di Milano contro il Milan venne sanzionato per due turni per aver chiesto al direttore di gara Chiffi di aver permesso ad un giocatore avversario di prendersi gioco del tecnico e per un’espressione blasfema. Tale metro ci sempre del tutto incompatibile con questo visto in campo dai tecnici di Roma ed Atalanta che soventemente ed in maniera plateale e scomposta contestano le decisioni arbitrali dando luogo a dei teatrini inaccettabili anche per il calcio amatoriale, figuriamoci per dei professionisti.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6020 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione