fbpx

Porto – Lazio, Sarri: “Immobile? Giocheremo comunque in undici…”

Nella sala stampa dello Estadio Do Dragao si è tenuta la consueta conferenza stampa di presentazione dello spareggio di Europa League del tecnico della Lazio Maurzio Sarri.

Le condizioni di Immobile? Un’opinione sulla nuova formula dei gol in trasferta

“Giocheremo comunque in undici e ci siamo arrangiati già nelle due partite prima della sosta Domani faremo lo stesso. Il nuovo regolamento porterà tante partite ai supplementari e con questo calendario non credo sia una cosa buona andare ai supplementari anche nelle gare durante la settimana”.

Il Porto cosa la preoccupa di più visto che è una società con un blasone europeo?

“Quello che è stato fatto in passato non conta molto in queste gare. In realtà questa squadra è molto forte anche nei giovani come Vitinha e Viera che sono dei 200 con qualità tecniche straordinarie. In stagione hanno vinto sempre ed hanno perso solamente 3 partite tra cui due con il Liverpool. Affronteremo una squadra fresca, forte tecnicamente, quindi difficile”.

Cosa si aspetta dalla Lazio? Per Udine Immobile ce la farà?

“Vediamo se domani o il giorno dopo riuscirà a sfebbrare e se si potrà portare a Udine. Sicuramente non sarà nelle condizioni ideali, ma a noi fa comodo anche all’80 o 90%. Io mi aspetto una squadra che entra bene dal punto di vista mentale. Poi è difficile entrare nella parte inconscia della squadra. Mi piacerebbe molto che si riuscisse a entrare in campo sempre nella stessa maniera. Non è semplicissimo, ma è un’evoluzione che stiamo cercando di fare”.

Che valore dà all’Europa League?

“Effettivamente è una manifestazione dispendiosa, non è semplice. Finisci la partita alle 23 di giovedì sera e non c’è la possibilità di giocare il lunedì. La difficoltà c’è. Poi è chiaro che il Chelsea in Europa League era una corrazzata. Per noi è un palcoscenico europeo e ci vogliamo stare dentro bene. Rimanerci dentro è sempre un prestigio per i ragazzi e la società”.

Conceicao ha detto di aver visto dei principi nella Lazio contro il Milan, lei cosa pensa dei principi del Porto?

“Ha parlato dei primi 20 minuti, e quindi condivido. Probabilmente poi ha spento il televisore. Il Porto è anche una squadra difficilmente prevedibile, spesso inizia un lungo palleggio d dietro in cui si alternano tanti giocatori con i trequartisti che si invertono con i centrocampisti centrali. A volte invece verticalizzano in maniera repentina creando difficoltà. Giocano un calcio molto youmoderno”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5015 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione