fbpx

Salernitana – Lazio, riviviamo la conferenza stampa di Sarri – VIDEO

La Lazio esce dalla sfida contro una Salernitana in difficoltà per le assenze, vincendo 3-0 grazie ai gol di Immobile e Lazzari. Al termine della gara, è intervenuto in conferenza stampa Mister Maurizio Sarri. Queste le sue dichiarazioni.

CALCIOMERCATO – “Sul mercato non so niente, vediamo nei prossimi giusti. Se la Lazio non sblocca l’indice di liquidità non può fare niente. Se ho capito bene, anche se ci capisco ancora poco, sembra che la Lazio possa fare acquisti solo dopo aver venduto”.

PRESTAZIONE DI ROMERO – “E’ un ragazzo in crescita, l’ho messo dentro per premiarlo per quello che sta facendo in allenamento dove si applica moltissimo. Sta progredendo dal punto di vista tattico, è giovanissimo ma stiamo cercando di farlo crescere anche dal punto di vista della forza. Abbiamo fatto un programma apposta per lui per renderlo non solo rapido e brillante ma con uno strappo in più”.

LAZZARI E L’ESULTANZA  – “Lazzari? Ha fatto gol, fa bene a esultare. Lazzari sta pagando colpe non sue in questa squadra. Questa squadra non ha mai trovato una solidità tale da permettere di avere un difensore esterno più bravo a spingere che non a difendere. Se questa squadra mi dimostra di prendere un gol ogni tre partite allora per noi Lazzari diventa un giocatore importantissimo.

PEDRO – “Fino a domani non sapremo niente, molto probabilmente ci vorranno un paio di giorni per capire l’entità dell’infortunio”. 

VAVRO – “Vediamo quello che succede nei prossimi quindi giorni. Vavro è molto più bravo a difendere in area di rigore che a metà campo ma ha fatto un percorso ed è cresciuto, è entrato perché si è applicato molto in allenamento ed è giusto che annusi il campo”.

SALERNITANA – “Abbiamo fatto tanta fatica alla ricerca della continuità e nelle ultime cinque gare abbiamo fatto dieci punti. Il segnale è che stiamo prendendo la direzione giusta ma vediamo se riusciamo a dargli una duarata più lunga di cinque/sei gare. La squadra ha approcciato in modo umile alla gara e con una bella determinazione chiudendola velocemente. Situazione Salernitana? E’ difficile, anche uno che va in fabbrica e ha 50 colleghi positivi gli girano le scatole ad andare a lavorare. I problemi ce li hanno tutte le squadre ma quando mancano 7/8 giocatori dispiace non solo per la squadra ma anche per chi l’affronta. Se la situazione è così pericolosa bisogna fermarsi tutti, se è meno pericolosa declassiamola a influenza”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 4961 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione