fbpx

Supercoppa Italiana, lo strano caso di Szczesny: Può giocare, ma non accedere allo stadio

E’ in programma per domani allo stadio Meazza di Milano la finale di Supercoppa Italiana tra Inter e Juventus. A difendere i pali della porta bianconera ci sarà però il portiere Mattia Perin e non come al solito Wojciech Szczesny. Non siamo di fronte ad una scelta tecnica, ma il motivo lo ha spiegato direttamente il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri “Tek è stato l’ultimo a vaccinarsi, potrà arrivare soltanto all’ultimo minuto e quindi andrà in panchina”.

Il polacco, infatti, non ha ancora il green pass perchè ha fatto la prima dose di vaccino solo pochi giorni fa. Il certificato verde arriverà, quindi, solo dopo 14 giorni. Nel farttempo però il 10 gennaio è entrata in vigore la nuova normativa che prevede la necessità del super green pass per accedere agli impianti sportivi. La normativa, però, non è applicabile agli sportivi professionisti, ragion per cui il portiere della Juventus – come gli altri calciatori no-vax della Serie A – potrà arrivare allo stadio soltanto per esercitare la propria attività professionale. Le norme in vigore ed il protocollo FIGC non prevedono però la possibilità di accedere all’impianto prima del calcio d’inizio. In pratica Szczesny accederà allo stadio solo a gara in corso per accomodarsi in panchina.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 1606 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione