fbpx

Inter – Lazio, Sarri: “Nel secondo tempo gara a visto aperto, il mercato…”

Al termine della sconfitta contro l’Inter il tecnico della Lazio Maurizio Sarri ha analizzato la gara ai microfoni di Dazn.

LA GARA

Abbiamo fatto una buona partita, un primo tempo timoroso ma un ottimo secondo tempo. Siamo stati in partita contro una squadra forte, abbiamo cercato il pareggio fino alla fine. Abbiamo fatto una buona partita”.

L’ATTEGGIAMENTO IN CAMPO

“Il secondo tempo è stata una partita giocata come avevamo detto, a viso aperto senza timore. Il primo tempo probabilmente anche gli avversari ci hanno costretto a difendere. La squadra ha dato segno di solidità, non c’è stato segno di una sofferenza enorme se non in qualche spezzone di pochi minuti. La sensazione di solidità che abbiamo dato stasera è stata buona speriamo di darla con continuità. Noi bisogna andare alla ricerca di compattezza e solidità, abbiamo giocatori di qualità dal punto di vista offensivo e tiriamo sempre qualcosa fuori in tutte le partite, ci manca compattezza difensiva. Negli ultimi tempi pensavamo di aver fatto grossi passi in avanti poi contro l’Empoli sono venuti fuori timori e dubbi d questo punto di vista e la partita di stasera è stata difficile e spero che quello che si sia visto stasera continui a vedersi”

LA RICERCA DELL’EQUILIBRIO

Uno dei punti i cui abbiamo cercato di intervenire è l’equilibrio ma poi è sempre un tentativo perché non è detto che cambiando l’interprete trovi solidità. Diciamo che l’aggressività che ho visto stasera non l’abbiamo sempre. A me i giocatori di qualità piacerebbe farli giocare tuti insieme, spesso per i miei gusti abbiamo preso troppi gol e io che sono responsabile qualche tentativo lo devo fare”

MERCATO E COSTRUZIONE DELLA ROSA

“Non lo so sinceramente, so che siamo bloccati dall’indice di liquidità che non sono riuscito a capire bene cosa sia ma la società lo sa. Esterni e vice immobile potrebbero completarlo? Completamento no, per quello che ho in mente io ci va qualcosa in più anche a livello numerico. Noi siamo tanti ma alcuni non sono avvantaggiati così. un mercato non ci basta e quindi bisogna intervenire perché fare tutto insieme potrebbe essere complicato”

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 1567 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione