fbpx

Lazio – Empoli, le pagelle: Strakosha errore inspiegabile, Milinkovic onnipotenza calcistica

Strakosha: 4,5 L’uscita con cui causa il calcio di rigore è davvero inspiegabile perchè errata sia a livello di concetto che di esecuzione. L’episodio indirizza inevitabilmente la gara e la sua prestazione che mostra alcune lacune anche in uscita. Nella ripresa non è mai impegnato, ma il si trascina dietro l’ombra di uno svarione troppo grave.

Hysaj: 5 Sbaglia il retropassaggio da cui nasce il calcio di rigore del vantaggio toscano, sembra tornato quel calciatore svagato di ottobre. Da un suo errore di posizionamento nasce l’ammonizione di Luiz Felipe che lo condiziona in occasione del terzo gol.

Luiz Felipe: 4,5 Sfortunato nel rimpallo che consegna il pallone del raddoppio a Zurkowski, viene anche ammonito per eccesso di foga in uno dei momenti di massimo disordine della retroguardia biancoceleste. Nella ripresa sembra salire di tono, ma commette un’ingenuità sul terzo gol che manda in confusione la squadra che sembrava avere la gara in pugno almeno dal punto di vista dell’inetnsità.

Acerbi: 5,5 Gioca poco più di una ventina di minuti in cui la Lazio soffre le ripartenze dell’Empoli oltre a due gol su cui lui non ha grandissime colpa, ma come tutto il reparto si schiaccia troppo sulla porta. Il suo recupero però è stato valutato erratamente e si fa male di nuovo mettendo in crisi un reparto già poco solido di suo.

Patric (dal 24′): 6 Fa il suo senza commettere errori al livello dei compagni di reparto. Ordinato con la palla tra i piedi e aggressivo quando ce l’hanno gli avversari. Segna il suo primo gol in campionato che viene annullato dopo una gestione pachidermica del Var.

Marusic: 6,5 Torna dalle feste in uno stato di forma impressionante. Fa su e giù sulla fascia per 97′ minuti senza maio prendere fiato. Tosto nei contrasti e cattivo al punto giusto nelle situazioni pericolose. Da un appoggio sicuro a Luis Alberto che è libero di agire sul fronte offensivo perchè lui non fa passare nemmeno uno spillo.

Cataldi: 5 Leggero in mezzo al campo dove l’Empoli dialoga bene e trova spesso lo spazio alle sue spalle. Gestisce in maniera frettolosa alcuni palloni che creano apprensione nel reparto difensivo. Sostituito poco dopo l’inizio del secondo tempo quando sbaglia l’ennesima lettura difensiva su un pallone alto calciato dalla difesa dell’Empoli. E’ questo il frangente del gioco dove emergono maggiormente le sue dificoltà.

Leiva (dal 58′): 6 Più fisico e più adatto al gioco da centrale, fa il suo ed il suo ingresso in campo determina una crescita della squadra che cinge d’assedio l’area toscana arrivando al pareggio. Ha più senso della posizione rispetto a Cataldi che però si lascia preferire con la palla tra i piedi. Se ritrovasse brillantezza fisica potrebbe tornare ad essere indispensabiile.

Milinkovic: 8,5 Il Sergente si porta sulle spalle la Lazio e le fa guadagnare un punto che ad un certo punto sembrava insperato. Due gol, un assist e tantissime giocate di onnipotenza calcistica e fisica. Scuote la squadra dopo l’inizio shock, la porta al pareggio ed a momenti in vantaggio. Quando nessuno ci crede più arriva la capocciata che regala un punto che evita ulteriori malumori all’ambiente.

Luis Alberto: 6,5 Gioca una gara mettendo in mostra le sue qualità palla al piede, ma sbagliando troppo in fase di finalizzazione e rifinitura. Nel complesso però non soffre il pressing dei toscani e nonostante una marcatura quasi a uomo si trova sempre lo spazio per smistare il gioco ed innescare Pedro o Zaccagni. Peccato però che ha le polveri bagnate e tutti i suoi tiri finiscono fuori o in bocca a Vicario.

Felipe Anderson: 7,5 E’ l’uomo in più della Lazio nel primo tempo dove fa ammattire Parisi e Marchizza che vengono entrambi ammoniti. Sfortunato in due conclusioni a trovare prima una deviazione quasi sulla linea di porta e poi l’incrocio dei pali a Vicario battuto. Serve l’assist per il pareggio di Milinkovic ed in un paio di occasioni mette dei palloni molto interessanti in area di rigore. Si spegne piano piano, ma rimane uno dei più lucidi anche nei momenti di diffioltà.

Immobile: 6,5 Segna un gol da rapinatore dell’area di rigore con un colpo di testa che dimostra tutto il suo fiuto del gol. Svaria sul fronte d’attacco per tutta la gara e sfiora il vantaggio in mischia quando l’Empoli è fortunato con una serie di carambole. Sbaglia il rigore che avrebbe concesso almeno altri 10 minuti di fuoco alla squadra tirando forte, ma centrale. Peccato, ma come sempre impegno e prestazione sono più che positivi.

Pedro: 5,5 Più confusionario ed elettrico del solito, cerca di giocare con la leggerezza che ha contraddistinto il finale di 2021, ma praticamente si rivela un boomerang. Prova troppo spesso a dribblare riuscendo quasi mai a saltare l’uomo e quando può fare male sbagli l’ultimo tiro, come ad inizio ripresa quando fallisce un’occasione sesquipedale dal dischetto del rigore.

Sarri: 6 La squadra crea tante occasioni e si distende in attacco mostrando idee precise che esaltano la qualità degli interpreti. La fase difensiva subisce più che errori di reparto, svarioni individuali sui quali è difficile lavorare a certi livelli. Quando lo tradiscono i suoi attaccanti poi finisce che la gara s’incancrenisce e per fortuna che alcuni singoli emergono a salvare almeno la faccia. Sappiamo che è un grande uomo di campo, ma speriamo che in questo mese sia bravo a convincere la dirigenza ad integrare la rosa con calciatori di livello e che alcune comparse lascino Formello perchè anche oggi rimaste in panchina senza.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 1567 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione