fbpx

Cafu, incensa Inzaghi: “Ha lavorato tanto con la Lazio, bravo chi gli ha dato l’opportunità. Può vincere lo scudetto…”

IN occasione della Arab Cup 2021 disputata in Qatar tra le vecchie glorie presenti l’emittente turca TRT Spor ha intervistato l’ex terzino di Roma e Milan Cafù che ha parlato del calcio italiano, della nazionale e del prossimo mondiale.

Che differenza c’è oggi con il calcio che tu hai giocato?

“In Italia non c’è il livello dei miei tempi. C’era un livello alto, con giocatori importanti. Adesso non è cosi, anche se si sta cercando di investire su club e singoli giocatori. La serie A è la più bella lega al mondo…”.

Mourinho alla Roma, che potrebbe portare?

“Mourinho? E’ forte, bravo. Sappiamo e conosciamo la sua capacità, ma non sempre le cose vanno bene come si vogliono. C’è ancora tanto tempo, Mourinho può far veramente bene alla Roma. I giocatori passano, ma l’allenatore deve sempre fare bene. Se i risultati non vengono, è sempre l’allenatore che viene messo in dubbio ed è lui che che deve fare cambiamenti. I giocatori invece, sono quelli. Mourinho deve dimostrare ancora tanto. Non è un buon periodo per lui”.

Il tuo momento migliore alla Roma?

“Il mio momento migliore alla Roma? Quando ho vinto lo scudetto. Abbiamo dato glorie e gioia al popolo giallorosso. Il periodo più brutto? Non lo voglio ricordare. Voglio concentrarmi solo sui bei ricordi, sui 6 anni trascorsi dove abbiamo creato una famiglia e dove sono state create grandi amicizie. Sono passati 20 anni dallo Scudetto della Roma. Mamma mia che periodo! Ci siamo divertiti, giocavamo e ci divertivamo. E’ ora che la Roma vinca un altro scudetto”.

Pensi che Totti possa essere utile alla Società visto quello che ha fatto nella storia giallorossa?

“Potrebbe dare tanto alla Società. Ha fatto cose incredibili per la squadra e la città, è ora che la Società se ne renda conto e lo faccia entrare ufficialmente”.

Cosa vedi nel calcio moderno?

“Hanno dato troppo potere ai procuratori. Si vede in tutto il mondo”.

L’Italia si gioca i Mondiali contro la Macedonia e poi contro il Portogallo, quanto possibilità di qualificazione ha?

“Non mi aspettavo che arrivava ai play off. Dopo la vittoria ad Euro2020 doveva entrare direttamente ai mondiali. Do per scontato il suo passaggio e l’arrivo in Qatar.”

L’altra tua squadra in Italia è stato il Milan. Pioli sta facendo bene…

“Pioli è bravissimo. Ha trovato la squadra e lo schema giusto. Domani va ad affrontare il Napoli e non sarà facile. Merito di Pioli che sta facendo giocare benissimo i rossoneri. Sarà una bellissima partita. Per lo scudetto credo che il favorito sia proprio il Milan. Roma? Non penso (ride…) la Roma ha 28 punti è troppo lontana. Il Milan è il favorito.”

Come mai il Milan hanno perso giocatori importanti?

“I Giocatori che vanno via dal Milan come Donnarumma, Calhanoglu o altri che non rinnovano, non so cosa sia successo. Una cosa certa è che il Milan ha perso un grande portiere come fu per Dida”. 

Chi sta facendo molto bene è L’inter di Simone Inzaghi, che pensi di lui come allenatore?

“Simone è intelligentissimo. Studia tanto, ha lavorato piano piano con la Lazio ed ora è arrivato in una piazza importantissima. Potrebbe vincere anche lo Scudetto ed è tutto merito suo. Ha capacità di fare bene e bravo chi ha dato l’opportunità ad allenatori come Inzaghi di crescere e dimostrare il suo valore.” 

Quanto conta l’età per un giocatore?

“Un giocatore gioca finchè si sente bene, come Ronaldo. Lui è sempre disponibile, non credo che si tiri indietro. Chi preferisco ai mondiali tra Ronaldo e l’Italia? L’Italia!”

Che mondiale dobbiamo aspettarci nel 2022?

“Un mondiale incredibile! Quo in Qatar è incredibile. E’ un unico paese, una grande città. Non ci sarà bisogno di spostarsi e gli stadi sono bellissimi. Sono impianti pazzeschi e i tifosi si divertiranno”.

Zaniolo potrebbe conquistare il Pallone D’Oro?

“A Zaniolo manca la continuità. Manca solo questo, lui è bravissimo lo ha già dimostrato. Diventerà un Pallone D’Oro se mostra le sue vere qualità….sempre.”

A Parigi il PSG ha tre grandi attaccanti…

“L’Allenatore ha la difficoltà a far giocare insieme grandi giocatori come Messi, Mbappè e Neymar. Si deve capire solo come farli giocare in simbiosi per non avere il problema delle sovrapposizioni. Quando metti questi tre insieme è uno spettacolo. Adesso dovranno affrontare il real Madrid, ma la società ha fatto un grande investimento per puntare sulla Champions League. Hanno una grande possibilità di portare a casa la Coppa dalle grandi orecchie”.

Purtroppo Pelè non sta bene…

“Siamo andati a visitarlo e speriamo possa guarire presto. Pelè è sempre un punto di riferimento quando si parla di calcio.”

Da poche settimane è stato inaugurato ufficialmente lo Stadio dedicato a Maradona 

“Bellissimo! Sono innamorato del calcio e dei grandi calciatori. E’ stato emozionante vedere quello che ha fatto Napoli e l’Italia intera per Diego Armando Maradona. Bellissimo intitolargli uno Stadio per tutto quello che ha fatto per Napoli. Non si possono paragonare Pelè e Maradona. I giocatori di oggi stanno a questo livello, Pelè e Maradona sono di un altro pianeta.”

Che vuole fare da grande Cafù?

“Ho 51 anni, sono già grande (ride…) Vorrei vedere un calcio pulito dove la gente va allo stadio con la famiglia, i figli dove si tifa senza scontri, senza problemi e tifare la propria squadra. Vincere o perdere, non importa, basta vedere quella bellezza sugli spalti che fa veramente bene a chi entra in campo.”

Cafu su Inzaghi: "Bravissimo alla Lazio, nessuno credeva in lui"

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5654 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione